http://farmacia-senzaricetta.com/
CPanel

AIL sezione di Taranto

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size


News e prossimi appuntamenti

I vaccini più adatti ai pazienti ematologici

business-people-working-with-video-call-from-remot-WGHBC9E-750x400

Sono tanti gli interrogativi che i pazienti ematologici si pongono rispetto al nuovo coronavirus, alla possibilità di ammalarsi sviluppando le complicanze della Covid e all’opportunità di sottoporsi al vaccino.

Il convegno SIE-GIMEMA, tenutosi on line a fine aprile, ha cercato di fare chiarezza sulle relazioni esistenti tra neoplasie e Covid-19. Tra i tanti argomenti affrontati, un’attenzione particolare è stata dedicata alla vaccinazione anti Covid nei pazienti ematologici. 

L’intervento del dottor Corrado Girmenia, dirigente medico presso il Policlinico Umberto I di Roma, ha sottolineato l’importanza dei vaccini, anche nel caso delle persone affette da una malattia del sangue.

“Ad oggi - ha dichiarato Girmenia - non sono noti gli effetti collaterali dei vaccini anti-COVID-19 nei pazienti ematologici, ma si pensa che gli effetti collaterali a breve termine possano essere differenti da quelli della popolazione generale. Nonostante ciò, rimane una priorità vaccinare questa tipologia di pazienti in quanto soggetti fragili e vulnerabili”.

I farmaci studiati per prevenire lo sviluppo della Covid, soprattutto nelle sue forme più severe, non sono ovviamente tutti uguali, anche se l’obiettivo è comune. Alcuni vaccini sono più adatti di altri per determinate tipologie di persone. Questo principio vale ancor più nel caso dei malati ematologici. 

Ciò non deve impensierire; il paziente ematologico è seguito da uno specialista o da un’equipe multidisciplinare. Sono loro a stabilire quale tipologia di vaccino somministrare, in base alle caratteristiche del paziente. È fondamentale, in queste circostanze, affidarsi ai medici.

Durante il convegno SIE-GIMEMA, le comunicazioni in merito al tema sono state più che trasparenti. Per i pazienti immunodepressi, i vaccini a mRNA (Pfizer e Moderna) sono quelli generalmente più indicati. Da considerare, quindi, la scelta principale, in condizioni di disponibilità. Soprattutto per le persone sotto i sessant’anni. 

Riportiamo ancora una volta le parole del dottor Girmenia, così come pubblicate sul sito della Fondazione GIMEMA:

“Per i pazienti con pregressa trombosi o che effettuano trattamenti trombotici non vi è alcuna raccomandazione su quale vaccino utilizzare. Al contrario, ai pazienti che si sottopongono a trattamenti con farmaci che hanno azione specifica verso i linfociti B, si raccomanda di rinviare la vaccinazione dopo sei mesi dalla sospensione della terapia, per una maggiore efficacia vaccinale”.

Gli studi sulla Covid sono tanti e molti altri ne verranno avviati, per fare luce su tutti gli aspetti che la riguardano, specialmente in relazione ad altre patologie. Attualmente, l’indicazione che anche l’AIL offre è chiara: soltanto la campagna vaccinale, unitamente a comportamenti responsabili, può consentirci di uscire dall’emergenza sanitaria. Per i pazienti ematologici è fondamentale non interrompere le terapie in corso e vaccinarsi, seguendo le indicazioni dei medici.

Per tutti noi, l’invito è sempre quello di sostenere l’AIL, in particolare la Sezione di Taranto, i cui volontari proseguono il loro operato, instancabilmente.

Hanno bisogno del nostro supporto, per continuare ad assistere i pazienti a domicilio e a organizzare le campagne di raccolta fondi, indispensabili per alimentare tutte le attività dell’Associazione, ricerca scientifica in primis. Restituiamo il sorriso a chi soffre. Si può contribuire anche donando il 5X1000. Il Codice Fiscale dell’AIL è il seguente: 80102390582.

 

 

Chi siamo

L'AIL nasce a Taranto il 10 Gennaio 1994, a meno di un anno dalla nascita del Reparto di Ematologia.

Lo statuto ricalca quanto già presente nella totalità degli statuti AIL e persegue la finalità di migliorare l'assistenza agli ammalati e favorire la ricerca nelle principali malattie ematologiche.
Scopo specifico per Taranto era, ed è tuttora, ridurre la forte emigrazione dei pazienti verso altre strutture sanitarie, cercando, in collaborazione con il Reparto di Ematologia, di creare le condizioni ottimali di cura e la fiducia nei pazienti.
I primi interventi dell'AIL sono stati l'istituzione di borse di studio-lavoro per medici, infermieri professionali e biologi e la donazione all'ospedale dell'attrezzatura per la prima camera sterile.
Subito dopo, attraverso una serie di manifestazioni a carattere locale, inserite in sintonia con quanto avveniva a livello nazionale (Campagna Stelle di Natale, Campagna Uova di Pasqua, Settimana Europea contro le Leucemie, i Linfomi e il Mieloma), si è avviata l'Unità di Cure domiciliari medico, infermieristiche, fisioterapiche, psicologiche gratuite per i pazienti elegibili per tale forma di intervento.
Attualmente infatti, grazie anche alla stipula di una convenzione con la ASL e alla collaborazione di 4 infermieri professionali, 3 medici, 1 psicologo, 1 fisioterapista e una assistente sociale è possibile garantire assistenza domiciliare gratuita per 132 pazienti, per un numero complessivo di 6900 accesso (dati relativi all'anno 2006).
 

Nuove cure chemio free per la leucemia linfatica cronica

leucemia-linfatica-cronica-980x380

 

 

Cresce l’impiego delle terapie chemio free per la cura di alcune patologie del sangue. Incoraggianti i risultati ottenuti con l’adozione del venetoclax in combinazione con il rituximab, per il trattamento della leucemia linfatica cronica.

Lo dimostrano i dati dello studio Murano, come riportato dall’agenzia di stampa Adnkronos Salute. 

La terapia, a durata fissa di due anni, si basa sulla combinazione delle due molecole e ha consentito di raccogliere risultati sorprendenti, anche nel lungo termine. Oltre tre anni dopo la sospensione delle cure, questo approccio terapeutico si è dimostrato superiore, sotto diversi aspetti, a quello tradizionalmente adottato. 

Le cure che prevedono l’uso della combinazione di venetoclax e rituximab coprono un arco temporale più breve rispetto alle terapie immunochemioterapiche; migliorano la risposta dei pazienti e la qualità della loro vita.

È quanto afferma Francesca Romana Mauro, professore associato e Dirigente medico presso l’Istituto di Ematologia dell’Università Sapienza di Roma.

L’occasione per fare il punto sulle nuove cure è stata offerta dalla web conference

“Leucemia linfatica cronica: la terapia a durata fissa trasforma gli standard di cura per una migliore qualità di vita del paziente”, promossa da AbbVie (una multinazionale americana, costola di Abbott Laboratories), con la partecipazione dell’AIL.  

In quasi due terzi dei pazienti considerati per lo studio, non sono state riscontrate, alla conclusione del trattamento chemio free, cellule leucemiche residue nel sangue periferico. Inoltre, la terapia con venetoclax e rituximab è biologica e il venetoclax può essere assunto in pillole, quindi senza bisogno, per il paziente, di recarsi in ospedale. 

Ricordiamo che la leucemia linfatica cronica è la più comune in Occidente e un terzo delle nuove diagnosi in Europa riguarda questa malattia a crescita lenta.

In Italia, ogni anno, circa 1200 persone sono colpite da questa forma di leucemia. In genere il paziente viene monitorato costantemente dall’equipe medica cui è affidato, nei primi sei mesi della malattia. Nei successivi 18 invece riesce, con il nuovo approccio, a proseguire le cure a casa.

La terapia prosegue nel tempo, se è il caso, e quando viene sospesa il paziente si sottopone ad una serie di esami di controllo, i quali si ripetono negli anni successivi, fino alla completa guarigione. In molti casi, grazie alle cure, i pazienti vivono a lungo senza recidive. Inoltre, i farmaci oggetto dello studio, già somministrati con successo, possono essere interrotti anche per diversi giorni, in caso di necessità (per esempio per curare un’altra malattia, sopraggiunta in un secondo momento, indipendentemente dalla leucemia). Infine, risultano ridotti anche gli effetti avversi, per via della breve durata del trattamento. 

La Sezione dell’AIL di Taranto assiste, com’è noto, i pazienti a domicilio.

Terapie come quelle di ultima generazione sono più facilmente gestibili, per le persone in cura, in particolar modo se sono supportate dal personale specializzato dell’Associazione. Sostenere l’AIL significa dare linfa alla ricerca e contribuire a raggiungere risultati importanti nell’ambito delle cure. Esattamente come nel caso delle nuove terapie per la leucemia linfatica cronica.

Sostenendo l’AIL, saremo vicini ai pazienti e ai volontari dell’Associazione e contribuiremo a costruire un futuro migliore per tutti.

 

 

Completamento vaccini persone fragili entro due settimane

AIL-5x1000 Post Instagram-CHEF-v6

 

“La vaccinazione delle persone più fragili dovrebbe essere completata nell’arco delle prossime due settimane”. È quanto dichiarato da Mariastella Gelmini, ministra per gli Affari regionali e le Autonomie. 

L’AIL e tutte le associazioni che tutelano i diritti delle categorie fragili si augurano che i tempi siano rispettati. Ulteriori ritardi sarebbero imperdonabili. Al momento in Italia le persone che hanno completato il ciclo vaccinale (che hanno cioè ricevuto due dosi del farmaco anti Covid) sono 6.684.349.

Il totale delle somministrazioni raggiunge la cifra di 22.070.581. In Puglia quest’ultimo dato corrisponde a 1.443.216. Tra le categorie che hanno ricevuto il maggior numero di dosi, gli over 80, i soggetti fragili e i caregiver, i sanitari e coloro i quali hanno un età compresa tra i 70 e i 79 anni. Seguono gli insegnanti e le altre categorie. Tuttavia, nonostante i progressi delle ultime settimane, sono ancora tante le persone che attendono di essere vaccinate.

Si tratta di soggetti maggiormente esposti al rischio di contagio da coronavirus, a causa dell’età o perché già in terapia per altre patologie. 

La Sezione dell’AIL di Taranto sta facendo un grande lavoro con i pazienti ematologici che necessitano di assistenza domiciliare. Sono loro che attendono con speranza di essere messi al più presto al sicuro, rispetto al pericolo rappresentato dalla Covid. 

Allo stesso modo, necessita della tutela vaccinale, chiunque abbia appena ricevuto una diagnosi di leucemia o altra patologia e debba intraprendere un percorso di cura, spesso duro. Persone particolarmente vulnerabili, come lo sono anche i pazienti in fase di follow up, cioè soggetti che si sono ammalati in precedenza, e attualmente seguono dei protocolli di cura, oppure hanno da poco terminato le terapie, ed effettuano periodicamente esami di controllo. 

L’AIL assiste i pazienti ematologici, ma l’esigenza di accedere quanto prima al vaccino anti Covid riguarda tutte le persone a rischio, quale che sia la loro patologia o la loro fragilità.

E il discorso, naturalmente, vale anche per i Caregiver, ovvero tutti coloro che si prendono quotidianamente cura di questi pazienti. 

Ogni anno in Italia vengono diagnosticati più di 33mila nuovi casi di tumore del sangue. Tra i più frequenti, i linfomi, le leucemie e il mieloma multiplo. Il sistema immunitario dei soggetti colpiti è già provato. Per questa ragione, questi pazienti hanno bisogno di essere protetti dal virus.

Uno studio promosso dalla Società italiana di Ematologia e pubblicato su The Lancet (la più grande ricerca al mondo sui malati ematologici affetti da Covid-19) ha messo in evidenza quelle che sono le serie conseguenze della malattia, quando colpisce malati ematologici. 

L’AIL sostiene il progresso della ricerca e assiste costantemente i pazienti ematologici. In questo particolare momento, fornisce loro anche informazioni importanti sul contagio da Sars-CoV-2, ovvero da coronavirus e supporta le loro famiglie, principalmente attraverso l’assistenza domiciliare.

Sosteniamo l’AIL, alimentiamo la ricerca, tuteliamo le persone più fragili, aiutiamo i pazienti a guarire. Mai più sogni spezzati.

Donate anche attraverso il 5X1000. Il Codice Fiscale dell’AIL è il seguente: 80102390582.

 

 

L’importanza dell’assistenza a domicilio AIL

2sito 72 Poster-festa mamma

La Sezione AIL di Taranto continua a raccogliere attestazioni di stima e d’affetto da parte dei pazienti che sostiene e delle loro famiglie. Nonostante i disagi legati alla diffusione del contagio da Sars-CoV-2 (le curve sembrano far registrare, nelle ultimissime ore, lievi miglioramenti, rispetto al numero dei ricoverati nelle terapie intensive e dei decessi), l’equipe multidisciplinare coordinata dal dottor Mariano Bruni assiste instancabilmente i pazienti ematologici a domicilio. 

Un servizio chiave in questo momento. Sono moltissime le persone affette da una patologia del sangue che preferiscono evitare, in questo momento, di recarsi in ospedale per la somministrazione delle terapie. Alcuni di questi pazienti sono impossibilitati a muoversi. Contribuire ad arginare l’avanzata del coronavirus significa anche offrire un servizio di assistenza domiciliare come quello che l’AIL di Taranto garantisce a diverse decine di famiglie. 

Non si tratta solo di cure mediche, ma anche di supporto psicologico. Il genere di sostegno del quale forse ha più bisogno un paziente, in questi mesi segnati dalla pandemia.

Anche chi non è affetto da alcuna patologia è sotto pressione. Addolorato per quel che accade, spesso in lutto, stressato da settimane di restrizioni, dalla paura del contagio; i consigli di uno psicologo, di un assistente sociale divengono importantissimi.  

Nel caso di un paziente ematologico o di chiunque sia affetto da una malattia “importante”, poter contare sull’assistenza di persone qualificate costituisce una fonte di sollievo di inestimabile valore.

Avere risposte sui sintomi della malattia, fugare i dubbi sulla terapia che si sta seguendo, sugli esami di controllo che si andranno ad effettuare, sul percorso di cura indicato dai medici, avere informazioni sul vaccino anti Covid, sapere (nel caso dei familiari del paziente) quali parole pronunciare in presenza del parente malato, fa la differenza.

L’equipe multidisciplinare dell’AIL offre il genere di aiuto che rende i pazienti e le loro famiglie più forti, offre loro gli strumenti giusti per affrontare le difficoltà, i disagi, i problemi che la malattia ematologica comporta.

L’assistenza dell’AIL è gratuita e lo è grazie ai volontari che mettono il loro tempo a disposizione delle persone più fragili, e lo è grazie ai tantissimi sostenitori dell’associazione. 

Coloro che donano, nelle occasioni più diverse (le campagne di Natale, di Pasqua, etc.) o senza aspettare tali ricorrenze. Contributi anche minimi, che significano tantissimo per chi soffre. 

Tra poco si celebra la Festa della Mamma, un modo anche questo per essere vicini all’AIL, ai suoi pazienti e ai volontari. Una donazione (anche di pochissimi euro) in cambio di un gadget (illustrati nella locandina che compare anche sulla pagina FB dell’AIL di Taranto) e si fa un regalo non soltanto alla mamma, ma anche a qualcuna o qualcuno che ce la sta mettendo tutta per guarire. Per sconfiggere la malattia. Si può farlo tutti insieme. Tutti insieme si può battere le leucemie e tutte le patologie sulle quali l’AIL investe, anche in ricerca scientifica.

Sosteniamo l’AIL, restituiamo la speranza a chi, senza di noi, rischia di perderla! 

 

 
Pagina 1 di 45
Banner

Diventa donatore

Con decreto del Presidente della Repubblica del 7 aprile 2005
l’Ail è stata insignita della MEDAGLIA D’ORO AL MERITO DELLA SANITA’ PUBBLICA

Orario sede

Lunedì

09.00 - 13.00

Martedì

09.00 - 13.00

Mercoledì

09.00 - 13.00

Giovedì

09.00 - 13.00

Venerdì

09.00 - 13.00

Facebook FanBox


Connettiti col tuo account Facebook

Donare il sangue

Donare sangue

La donazione di sangue è sempre un atto di elevato significato sociale e sanitario, ma assume un valore anche maggiore quando viene effettuata periodicamente.

Sostieni l'AIL

People + Parties

Ormai è noto che alcuni importanti traguardi sono stati raggiunti nella cura dei pazienti affetti da leucemie, mieloma e linfomi: oggi si riesce ad ottenere la guarigione di oltre la metà dei bambini e di circa un terzo degli adulti.
Sostieni l'AIL

Rivista

Obiettivo Salute

Obiettivo Salute è la nostra rivista di informazione socio-sanitaria e di approfondimento scientifico, disponibile nelle varie farmacie di Taranto e provincia. 
Leggi i nostri articoli

Informazioni utili

info

Informazioni utili