http://farmacia-senzaricetta.com/
CPanel

AIL sezione di Taranto

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size


News e prossimi appuntamenti

Lottare contro la malattia: l’impresa di Sarah Thomas

SarahThomas AIL 17SET2019-1Il numero delle malattie ematologiche e di altre patologie tumorali che trovano una cura, cresce sempre di più, grazie alla ricerca scientifica, ai volontari e ai sostenitori di associazioni come l’Ail. Oltre ai farmaci, è importantissimo anche lo spirito con il quale si affronta una malattia “importante” come il cancro. Possono fare molto, in questo senso, gli aiuti psicologici. Altrettanto rilevanti sono le attenzioni e l’affetto che il paziente riceve dai suoi cari, dal personale sanitario, da chiunque gli sia accanto.

Non bisogna mai arrendersi nemmeno di fronte alla più dura delle diagnosi. Casi illustri dimostrano come spesso la risposta dell’organismo ai farmaci possa completamente ribaltare le previsioni negative e portare il paziente sulla strada della completa guarigione. 

L’esempio di Josè Carreras, il tenore divenuto famoso in tutto il mondo anche grazie alla sua collaborazione con Pavarotti e Domingo, durante l’esperienza “I tre tenori”, è emblematico. 

La sua è una storia di rinascita: nel 1987, infatti, si ammala di leucemia e i medici gli danno scarse possibilità di guarigione: 1 su 10 addirittura. L’artista invece sopravvive e riprende anche a cantare, dando vita, un anno dopo, ad una fondazione che finanzia la ricerca scientifica e creando un registro per i donatori di midollo osseo. 

La sua storia non è l’unica a dimostrare che si può guarire dal cancro. Gli esempi positivi sono infiniti: è notizia fresca di stampa quella riportata dal quotidiano britannico The Guardian e poi rimbalzata su tutti i giornali, relativa ad una straordinaria impresa compiuta da una 37enne, sopravvissuta al cancro.  

La donna americana è la prima persona ad aver attraversato il Canale della Manica, ben quattro volte, senza mai fermarsi. La sua maratona in acqua è durata oltre 54 ore, coprendo una distanza di circa 215 chilometri. 

Nel novembre del 2017, le era stata diagnosticata una forma aggressiva di tumore al seno. Dopo le cure, naturalmente per lei molto impegnative, Sarah Thomas, questo il suo nome, ha deciso di mettersi alla prova, affrontando la Manica.

Al termine dell’impresa l’americana ha festeggiato con champagne e cioccolatini, la sua guarigione e la traversata. Un modo per celebrare la vita, evidentemente. Thomas ha dichiarato ai microfoni della BBC (la televisione inglese), che non pensava di farcela.

Eppure è riuscita a portare a casa un record. La nuotata attraverso la Manica è stata dedicata a tutti i sopravvissuti - come lei li ha definiti - tutte le persone che hanno lottato e lottano ancora contro il dolore e la paura. Sconfiggere la malattia è possibile, con l’aiuto di tutti. E sostenere la scienza, come fa l’Ail, è fondamentale. 

 

 

Chi siamo

L'AIL nasce a Taranto il 10 Gennaio 1994, a meno di un anno dalla nascita del Reparto di Ematologia.

Lo statuto ricalca quanto già presente nella totalità degli statuti AIL e persegue la finalità di migliorare l'assistenza agli ammalati e favorire la ricerca nelle principali malattie ematologiche.
Scopo specifico per Taranto era, ed è tuttora, ridurre la forte emigrazione dei pazienti verso altre strutture sanitarie, cercando, in collaborazione con il Reparto di Ematologia, di creare le condizioni ottimali di cura e la fiducia nei pazienti.
I primi interventi dell'AIL sono stati l'istituzione di borse di studio-lavoro per medici, infermieri professionali e biologi e la donazione all'ospedale dell'attrezzatura per la prima camera sterile.
Subito dopo, attraverso una serie di manifestazioni a carattere locale, inserite in sintonia con quanto avveniva a livello nazionale (Campagna Stelle di Natale, Campagna Uova di Pasqua, Settimana Europea contro le Leucemie, i Linfomi e il Mieloma), si è avviata l'Unità di Cure domiciliari medico, infermieristiche, fisioterapiche, psicologiche gratuite per i pazienti elegibili per tale forma di intervento.
Attualmente infatti, grazie anche alla stipula di una convenzione con la ASL e alla collaborazione di 4 infermieri professionali, 3 medici, 1 psicologo, 1 fisioterapista e una assistente sociale è possibile garantire assistenza domiciliare gratuita per 132 pazienti, per un numero complessivo di 6900 accesso (dati relativi all'anno 2006).
 

Diventare volontari Ail ed essere più ricchi

Diventare volontario Ail significa riempire il proprio tempo di ulteriori significati. Si può decidere di essere al fianco dell’associazione in tanti modi diversi. Quel che non cambia è il valore aggiunto che l’attività rappresenta, non solo per la vita di chi assume un impegno di questo tipo, ma soprattutto per l’esistenza di chi affronta una malattia ematologica. 

caregiver 1Spesso si è portati a pensare, pur nel desiderio di aiutare gli altri, di non avere il tempo per farlo; per dedicarsi alla cura di altre persone. Il lavoro e gli impegni familiari possono, in modo indiretto, allontanare dal proposito di sostenere attivamente l’Ail.

In realtà se si vuole davvero spendere del tempo per qualcuno, quel tempo non può essere percepito come difficile da sostenere. E in effetti non lo è. Molte delle persone che si battono al fianco dei pazienti seguiti dall’Ail sezione di Taranto, hanno una vita piena di impegni, famiglia e lavoro, ma ciò non impedisce loro di essere volontari Ail. 

Si può dare una mano a chi soffre anche semplicemente facendo una donazione. È una goccia fondamentale nel mare degli aiuti. Si può decidere di rendere quella donazione costante, periodica e far diventare quella goccia qualcosa di più grande.

Fare il volontario richiede uno step ulteriore, ma non si tratta di un gradino posto troppo in alto sulla scala della solidarietà, a livello di impegno. Traducendo le azioni in tempo da dedicare, si può scegliere, in base alle proprie esigenze, quanto del proprio tempo donare all’associazione e come impiegarlo. 

Un volontario Ail può essere un “organizzatore”, un “assistente”, un “infermiere”. Il ruolo che si dà dipende dalle sue attitudini, oltre che dalla sua disponibilità. 

Una persona incline alle relazioni, alla comunicazione, potrà affiancare gli altri volontari durante le raccolte fondi, per esempio. Nelle piazze, in occasione delle festività del nostro calendario, oppure in altri luoghi, in concomitanza con spettacoli o iniziative legate allo sport, che coinvolgono in qualche modo l’associazione. 

Le possibilità sono infinite: si può decidere di stare al fianco dei pazienti ricoverati in ospedale, relazionarsi con i medici e con il personale sanitario; guidare e sostenere il paziente dal punto di vista emotivo.

Oppure si può scegliere un percorso diverso e unirsi alle equipe che assistono il malato a domicilio. E qui c’è da fare una precisazione, perché in questo caso naturalmente sono richieste competenze specifiche. Per questo motivo la sezione di Taranto sta progettando un corso per Care Giver, con lo scopo di formare vere e proprie figure professionali. 

Insomma, un volontario Ail è tante cose insieme, ma è soprattutto una persona responsabile, che sa mettersi in gioco, disponibile e amante della vita. Una persona che combatte per la vita, come gli stessi pazienti ematologici fanno.

Per informazioni sull’argomento si può chiamare la sede dell’associazione di Taranto, al numero 099 4533289 oppure visitare la pagina https://www.ail.it/cosa-puoi-fare-tu/diventa-volontario.

 

L’impegno dell’Ail non conosce soste

eventL’infaticabile lavoro dell’Ail, sezione di Taranto, al fianco dei pazienti ematologici e delle loro famiglie prosegue, senza soste.

Prosegue l’impegno dei volontari all’interno del reparto di Ematologia dell’Ospedale Moscati di Taranto, e non si ferma neanche l’equipe multidisciplinare dell’associazione che offre supporto umano e professionale ai malati in cura presso le loro abitazioni. Gli assistiti sono centinaia, in tutta la provincia jonica. Come tante sono le famiglie che chiedono sostegno all’Ail, attraverso l’accesso alle residenze dell’associazione.

Accanto a queste azioni, che costituiscono il fulcro dell’impegno Ail, si muovono instancabilmente anche le altre attività. Decine e decine sono i volontari impegnati nell’organizzazione e nella realizzazione di eventi (anche il “semplice” presenziare nelle piazze cittadine, con il banchetto dell’associazione, fa parte di questi) per alimentare la raccolta fondi, sia per la ricerca che per le altre finalità. 

L’estate tarantina si è rivelata piuttosto intensa e feconda da questo punto di vista. Con manifestazioni di vario genere, si è coperto un arco di quasi tre mesi, tenendo alte, in ogni circostanza, le bandiere della solidarietà e dell’informazione. La prima è la linfa vitale che consente all’associazione di raggiungere traguardi sempre più importanti sul piano umano, su quello sociale e sul versante della ricerca scientifica. Senza quest’ultima molte delle patologie diagnosticate, non sarebbero curabili. Non lo erano solo qualche anno fa. 

Le donazioni raccolte attraverso gli eventi targati Ail servono a questo: rendere il cancro sempre meno temibile, fino a sconfiggerlo. Era l’auspicio del Professor Franco Mandelli e oggi continua ad essere lo scopo di medici e ricercatori. L’informazione gioca un ruolo essenziale, perché solo notizie correttamente riportate possono aiutare chi vive un momento difficile ad affrontarlo con maggiori strumenti.

L’Ail è attiva anche su questo fronte. A Taranto, a fine giugno, la sezione locale ha promosso un convegno sulle prospettive di cura a domicilio e sulle possibilità future della scienza. Tra i relatori, figure di spicco della medicina, come il Dottor Patrizio Mazza che dirige egregiamente il reparto di Ematologia del Moscati. 

Al Fusco, sempre a fine giugno, una serata di gala all’insegna della musica organizzata, come il convegno, per celebrare i 25 anni della sezione provinciale Ail, è servita a raccogliere fondi che saranno impiegati per i futuri progetti.

Durante l’estate non sono mancate raccolte importanti anche in provincia, come la cena buffet di beneficenza organizzata al Castello Muscettola di Leporano, a fine agosto, dalla professoressa Falcioni, presidente della Pro Loco di Leporano.

I contributi raccolti sono stati donati all’associazione. Nello stesso periodo, tra le altre iniziative, prezioso si è rivelato anche lo spettacolo Il teatrino delle meraviglie, per la regia di Antonio Minelli, a cura del Gruppo MuDI. Il ricavato della serata è stato devoluto all’Ail.

Pochi giorni fa l’associazione ha donato due televisori all’Ematologia del Moscati, al reparto Trapianti, per la precisione.

E, durante la stagione, non sono mancate le occasioni per incontrare i cittadini nelle località di mare, informarli, aprirgli la via della donazione, della solidarietà, che non può e non deve fermarsi mai. L’Ail ringrazia tutti i donatori, presenti e futuri. 

 

 

L’AIL di Taranto dona due televisori all’Ospedale Moscati

donazione-organi-2 f improf 304x201I volontari dell’AIL di Taranto partecipano alla vita dei pazienti ematologici, non solo assistendoli a domicilio, se il caso lo richiede, ma anche fornendo loro un ampio sostegno all’interno delle strutture ospedaliere nelle quali sono ricoverati o seguono delle terapie. Un supporto che può esprimersi nelle forme più diverse. Le donazioni di oggetti utili a migliorare la qualità della vita dei malati sono senz’altro una di quelle forme. 

Grazie anche al contributo dei donatori, l’AIL Sezione di Taranto ha impiegato una parte dei fondi raccolti dai suoi volontari durante le campagne dell’associazione, per effettuare una donazione all’Ospedale Oncologico tarantino.

Dopo aver seguito l’iter burocratico previsto in casi come questo, la sezione provinciale dell’Associazione contro le leucemie-linfomi e mieloma, ha donato due televisori da 24 pollici alla Struttura Complessa di Ematologia, nello specifico al reparto Trapianti dell’Ospedale “S. Giuseppe Moscati”

La scelta del materiale da donare si basa in genere sull’osservazione e sull’attenzione alle richieste dei pazienti, raccolte anche indirettamente in reparto.

Un buon ascolto attivo da parte dei volontari è fondamentale, come anche la capacità di sapere cogliere le criticità e le esigenze, dalle più semplici alle più complesse, che possono manifestarsi tra le corsie di un ospedale. Nelle situazioni particolarmente impegnative, come quelle rappresentate dai percorsi di cura, anche un oggetto semplice come un televisore, che è comunque uno strumento di informazione, può costituire una fonte di relax, di distrazione.

E nell’affrontare una malattia non bisogna tralasciare neanche le più piccole “tracce di benessere”, i mezzi attraverso i quali normalizzare un momento che sembra sconvolgere senza appello la quotidianità. Le attese sono meno dure, se accompagnate, assistite, riempite. L’esperienza dei volontari Ail attivi in ospedale è pluridecennale; senza il loro supporto mancherebbe una tessera importante nel mosaico delle attività che medici, infermieri, operatori socio-sanitari, psicologi e familiari dei pazienti portano avanti ogni giorno con un impegno coraggioso, fatto anche di relazioni e di sentimenti. 

Quest’ultima donazione dell’Ail al Moscati è una delle tante che lungo la storia dell’associazione hanno contribuito a rendere il lavoro dei volontari sempre più apprezzato e carico di soddisfazioni. Ecco un modo in cui si esercita la solidarietà.

A credere in questo valore sono in tanti fortunatamente, tutti coloro i quali sanno bene quanto sia importante, anche per se stessi, spendersi per gli altri. Ogni giorno, con fiducia e con il sorriso. 

 

 
Pagina 1 di 18
Banner

Diventa donatore

Con decreto del Presidente della Repubblica del 7 aprile 2005
l’Ail è stata insignita della MEDAGLIA D’ORO AL MERITO DELLA SANITA’ PUBBLICA

Orario sede

Lunedì

09.00 - 13.00

Martedì

09.00 - 13.00

Mercoledì

09.00 - 13.00

Giovedì

09.00 - 13.00

Venerdì

09.00 - 13.00

Facebook FanBox


Connettiti col tuo account Facebook

Donare il sangue

Donare sangue

La donazione di sangue è sempre un atto di elevato significato sociale e sanitario, ma assume un valore anche maggiore quando viene effettuata periodicamente.

Sostieni l'AIL

People + Parties

Ormai è noto che alcuni importanti traguardi sono stati raggiunti nella cura dei pazienti affetti da leucemie, mieloma e linfomi: oggi si riesce ad ottenere la guarigione di oltre la metà dei bambini e di circa un terzo degli adulti.
Sostieni l'AIL

Rivista

Obiettivo Salute

Obiettivo Salute è la nostra rivista di informazione socio-sanitaria e di approfondimento scientifico, disponibile nelle varie farmacie di Taranto e provincia. 
Leggi i nostri articoli

Informazioni utili

info

Informazioni utili