http://farmacia-senzaricetta.com/
CPanel

AIL sezione di Taranto

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size


News e prossimi appuntamenti

Nuova donazione per il DH di Ematologia del Moscati

Un reparto di Ematologia ha bisogno di tante risorse. È sempre bene sottolineare l’importanza che la professionalità dei medici e degli infermieri e la composizione dell’organico rivestono all’interno di una struttura ospedaliera. 

Le apparecchiature, gli strumenti necessari ad operare nella maniera più corretta e rapida possibile, tra le corsie di un centro di cura, sono altrettanto importanti. 

Ben vengano dunque le donazioni finalizzate ad arricchire i reparti di Ematologia di nuovi “strumenti”. Elementi che possano “migliorare” il lavoro del personale ospedaliero, a tutto vantaggio di chi si trova ricoverato o di chi si reca costantemente nei reparti per seguire terapie di cura. 

Fatta questa premessa, l’AIL Sezione di Taranto desidera ringraziare una nostra anonima benefattrice che ha donato all’Associazione la somma di 2.300 euro, chiedendo espressamente che fosse impiegata per l’acquisto di schedari. L’AIL ha provveduto a sistemarli negli spazi del Day Hospital (DH) del reparto di Ematologia dell’ospedale Moscati. 

La donazione è stata consegnata dall’AIL all’ospedale lo scorso 16 settembre, ovviamente sotto forma di schedari per ufficio nuovi di zecca. Ogni paziente, ciascun accompagnatore, chiunque capiti in reparto, in particolare nel DH, potrà rendersene conto.

Gli schedari non sono complementi d’arredo, ma contenitori ricchi di informazioni di vitale importanza, per tutte le attività che riguardano il DH del reparto di Ematologia del Moscati. 

Sono la prova tangibile della generosità della signora Piccione e delle persone che, come lei, credono nel valore della solidarietà, nello spirito di comunità, nella condivisione. 

La grande famiglia AIL si allarga; ai volontari che sono da anni impegnati nell’assistenza ai pazienti, se ne aggiungono ogni giorno di nuovi. Persone che insieme fanno la forza dell’Associazione, in particolare della sua Sezione provinciale, guidata dalla Presidente Patrizia Casarotti. 

Continuate a sostenere l’AIL, continuiamo a lottare tutti insieme contro la diffusione delle malattie del sangue. Possiamo alimentare, anche con piccoli contributi, la ricerca scientifica, per rendere sempre più curabili il maggior numero di patologie. Possiamo stare al fianco dei pazienti, divenendo volontari AIL o semplicemente attraverso le donazioni. Insieme possiamo essere in grado di migliorare i nostri ospedali, dotandoli di nuove apparecchiature, nuovi strumenti di lavoro, proprio come ha fatto la signora Piccione. 

Ancora grazie a chi sostiene l’associazione, sia in maniera costante, sia occasionalmente.

Sono gocce importanti nel mare della solidarietà. Perché sia possibile sconfiggere anche le malattie che attualmente non hanno una prognosi favorevole. Insieme si può. È già accaduto. 

image

 

 

Chi siamo

L'AIL nasce a Taranto il 10 Gennaio 1994, a meno di un anno dalla nascita del Reparto di Ematologia.

Lo statuto ricalca quanto già presente nella totalità degli statuti AIL e persegue la finalità di migliorare l'assistenza agli ammalati e favorire la ricerca nelle principali malattie ematologiche.
Scopo specifico per Taranto era, ed è tuttora, ridurre la forte emigrazione dei pazienti verso altre strutture sanitarie, cercando, in collaborazione con il Reparto di Ematologia, di creare le condizioni ottimali di cura e la fiducia nei pazienti.
I primi interventi dell'AIL sono stati l'istituzione di borse di studio-lavoro per medici, infermieri professionali e biologi e la donazione all'ospedale dell'attrezzatura per la prima camera sterile.
Subito dopo, attraverso una serie di manifestazioni a carattere locale, inserite in sintonia con quanto avveniva a livello nazionale (Campagna Stelle di Natale, Campagna Uova di Pasqua, Settimana Europea contro le Leucemie, i Linfomi e il Mieloma), si è avviata l'Unità di Cure domiciliari medico, infermieristiche, fisioterapiche, psicologiche gratuite per i pazienti elegibili per tale forma di intervento.
Attualmente infatti, grazie anche alla stipula di una convenzione con la ASL e alla collaborazione di 4 infermieri professionali, 3 medici, 1 psicologo, 1 fisioterapista e una assistente sociale è possibile garantire assistenza domiciliare gratuita per 132 pazienti, per un numero complessivo di 6900 accesso (dati relativi all'anno 2006).
 

L’importanza dei lasciti solidali - Visita il nuovo sito

10-cose

La cultura della solidarietà ha bisogno di essere alimentata. Lo scorso 13 settembre è stata celebrata la Giornata Internazionale del Lascito solidale, proprio per sensibilizzare la popolazione mondiale su questo tema. L’AIL e gli altri membri del Comitato Testamento Solidale promuovono costantemente questa forma di iniziativa; in occasione della Giornata Internazionale l’Associazione ha voluto, in accordo con le altre, porre l’accento sul momento critico che il Paese (il mondo intero) sta attraversando, a causa della pandemia da Covid-19. 

Si è dunque lavorato allo scopo di trasferire on line l’intera campagna, cercando nuovi punti di contatto con i potenziali donatori. Nuovi spazi attraverso i quali diffondere la cultura del lascito solidale. Gli incontri fisici sono complicati in questo momento dalle misure doverosamente adottate per arginare la diffusione del virus e il web è la vetrina ideale per continuare ad incontrarsi, a veicolare messaggi importanti. Come quello sul lascito solidale. 

L’AIL Sezione provinciale di Taranto ricorda che si tratta di un gesto d’amore alla portata di tutti. Scrivere un testamento solidale, decidendo di donare una parte (anche piccolissima) dei propri beni all’AIL, significa salvare la vita di qualcuno. Alimentando la ricerca, finanziando le attività dell’associazione in favore dei pazienti. L’assistenza domiciliare e quella ospedaliera sono gli ambiti nei quali i volontari AIL esprimono sé stessi, supportando chi affronta un momento critico, come quello rappresentato da una malattia ematologica. Nessuno si salva da solo. Insieme si può invece costruire qualcosa di grande, contribuire a scoprire una nuova cura, nuove terapie per patologie complesse. 

Per approfondire l’argomento, è possibile visitare il sito web https://testamentosolidale.org/, completamente rinnovato. In alternativa si può consultare la nuova pagina Facebook https://www.facebook.com/testamento.solidale.org.

Grazie alla partnership con il Consiglio Nazionale del Notariato, sono disponibili video esplicativi sugli argomenti di interesse comune, riguardanti i lasciti e le modalità attraverso le quali avvengono. Sono i notai a rispondere, nei video, alle domande più frequenti. 

“Ogni volta che riceviamo un lascito mi commuovo perché penso che una persona abbia capito, con il cuore, quanto possiamo fare e facciamo ogni giorno, per aiutare i pazienti ematologici. Con un lascito possiamo cambiare l’esistenza del malato e permettergli di guardare al futuro, anche di fronte ad una patologia molto seria”.

Il pensiero del professor Franco Mandelli, compianto scienziato e fondatore dell’AIL, testimonia, come meglio non si potrebbe, l’importanza di questo gesto di solidarietà. 

 

 

AIL è sempre in linea con te

AIL In Linea Interno Sito

 

Con la ripresa di settembre anche il Numero Verde AIL - Problemi ematologici 800226524 continua ad essere un punto di riferimento per i pazienti di tutta Italia

 

Il servizio è attivo dal lunedì al venerdì dalle 15:00 alle 17:00 e in linea troverai un ematologo, uno psicologo e un esperto di diritto del lavoro e agevolazioni sociali, secondo il seguente calendario settimanale:
 

  • Ematologo in linea ogni lunedì, giovedì e venerdì;
  • Esperto di diritto del lavoro e agevolazioni sociali in linea ogni martedì;
  • Psiconcologo in linea ogni mercoledì

 

 

“Il senso delle parole” nella relazione medico-paziente

IlSensoDelleParole AIL

Le parole sono importantissime. Possono cambiare completamente il corso di una giornata, in meglio o in peggio. Lo sono ancora di più nella relazione tra medico e paziente. Il primo deve sapere sceglierle e utilizzarle nel modo più proficuo e il secondo deve riuscire ad ascoltare, senza lasciarsi travolgere dall’ansia. 

Costruire una lingua comune, in ambito onco-ematologico, è l’obiettivo della campagna dal titolo “Il senso delle parole – Un’altra comunicazione è possibile”.

Un’iniziativa, promossa anche dall’AIL, che individua nelle parole il canale attraverso cui passano emotività ed informazioni, la strada che si percorre per prima quando ci si relaziona con un medico, nel momento della diagnosi di una malattia e nelle fasi successive, quelle della cura. 

Anche l’AIL Sezione di Taranto sottolinea, nel dare evidenza a questa campagna, l’importanza di una comunicazione efficace tra pazienti, medici, caregiver e personale ospedaliero. Il lavoro dei volontari dell’associazione che, nella nostra provincia, è guidata dalla presidente Patrizia Casarotti, tiene conto anche di questa necessità, sia durante le attività di assistenza svolte in ospedale, sia in fase di assistenza domiciliare. La fragilità dei pazienti e delle loro famiglie può diventare un ostacolo al buon esito di una terapia; per questa ragione comunicare in modo sereno ed efficace è fondamentale. 

La campagna “Il senso delle parole – Un’altra comunicazione è possibile” è promossa da Takeda, in partnership con AIL; AIPaSIM – Associazione Italiana Pazienti Sindrome Mielodisplastica; Salute Donna onlus, SIPO – Società Italiana di Psico-Oncologia e WALCE onlus – Women against Lung Cancer in Europe. A patrocinare l’iniziativa, la Fondazione AIOM – Associazione Italiana di Oncologia Medica. 

Caregiver e specialisti potranno contribuire alla costruzione di un nuovo linguaggio.

In concreto, fino all’8 novembre sarà possibile, per loro, accedendo alla seguente pagina https://www.ilsensodelleparole.it/, raccontare una storia, riportare un ricordo o esprimere un pensiero, legando tale racconto ad una parola.

Da una consultazione (che comprenderà focus group con i pazienti) avviata ad hoc e guidata da Giuseppe Antonelli, Professore Ordinario di Linguistica italiana all’Università degli Studi di Pavia, nascerà un vero e proprio dizionario emozionale: un Atlante delle dieci parole chiave in ambito Onco-ematologico, con significati condivisi da tutti, medici e pazienti in primis.

Sostieni l’AIL, il tuo contributo è importante anche per favorire iniziative come questa. Per informazioni sulle modalità attraverso le quali donare, contattaci al numero 099 4533289.

 

 
Pagina 1 di 35
Banner

Diventa donatore

Con decreto del Presidente della Repubblica del 7 aprile 2005
l’Ail è stata insignita della MEDAGLIA D’ORO AL MERITO DELLA SANITA’ PUBBLICA

Orario sede

Lunedì

09.00 - 13.00

Martedì

09.00 - 13.00

Mercoledì

09.00 - 13.00

Giovedì

09.00 - 13.00

Venerdì

09.00 - 13.00

Facebook FanBox


Connettiti col tuo account Facebook

Donare il sangue

Donare sangue

La donazione di sangue è sempre un atto di elevato significato sociale e sanitario, ma assume un valore anche maggiore quando viene effettuata periodicamente.

Sostieni l'AIL

People + Parties

Ormai è noto che alcuni importanti traguardi sono stati raggiunti nella cura dei pazienti affetti da leucemie, mieloma e linfomi: oggi si riesce ad ottenere la guarigione di oltre la metà dei bambini e di circa un terzo degli adulti.
Sostieni l'AIL

Rivista

Obiettivo Salute

Obiettivo Salute è la nostra rivista di informazione socio-sanitaria e di approfondimento scientifico, disponibile nelle varie farmacie di Taranto e provincia. 
Leggi i nostri articoli

Informazioni utili

info

Informazioni utili