http://farmacia-senzaricetta.com/
CPanel

AIL sezione di Taranto

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size


Cellule staminali - Pagina 3

E-mail Stampa PDF
Indice
Cellule staminali
Il cordone ombelicale
Chi può fare la donazione
Rischi per chi dona
Tutte le pagine

Chi può fare la donazione 

 

  • Tutte le future mamme che non abbiano avuto una gravidanza a rischio e che abbiano concluso la 34esima settimana di gravidanza. Il prelievo può essere effettuato sia dopo il parto naturale sia dopo il taglio cesareo. L’anestesia epidurale non costituisce alcuna controindicazione alla donazione.
  • Le donne che non siano portatrici di malattie ereditarie (ad esempio anemia mediterranea), e che non abbiano contratto infezioni durante la gravidanza.
  • Le donne che, insieme al proprio partner, non hanno sofferto di malattie infettive come l’Epatite e l’Aids.
  • Le mamme il cui parto non ha presentato complicanze ostetriche, come la sofferenza fetale acuta.

Quando non si può donare

  • Prima delle 34 settimane di gravidanza
  • Se la mamma ha qualche disturbo: febbre, anemia o infezioni
  • Quando il bambino ha una malformazione congenita o quando c’è evidenza di sofferenza fetale
  • Quando le membrane si sono rotte da più di dodici ore rispetto al parto.

Efficace, sicuro e soprattutto tempestivo
Il trapianto di sangue del cordone ombelicale si propone come una valida alternativa al trapianto di midollo osseo per la terapia elettiva su pazienti pediatrici affetti da leucemia in quanto consente una notevole riduzione dei tempi di attesa ed una maggiore disponibilità di donazioni. Nonostante le unità di sangue del cordone ombelicale nel mondo siano molte meno (circa 100.000) dei donatori di midollo osseo (circa 7.500.000), le potenzialità delle cellule staminali del sangue placentare sono per alcuni aspetti perfino “migliori” rispetto a quelle delle cellule contenute nel midollo. Le unità di sangue placentare infatti sono già tipizzate, sono state cioè eseguite le analisi di laboratorio che ne determinano le caratteristiche, e sono pronte all’uso. Nel caso del midollo osseo, invece, anche quando si individuasse un donatore volontario compatibile all’interno dei registri internazionali, si dovrebbe poi procedere a contattarlo e a proporgli il prelievo di midollo. Una procedura che fa registrare l’1% di rifiuti al mese e fa si che fra l’individuazione del donatore e il trapianto passino in media 6 mesi. Un tempo che si riduce alla metà nel caso di trapianto da sangue del cordone ombelicale.

Le cellule staminali presenti nel sangue del cordone ombelicale, inoltre, sono meno aggressive dal punto di vista immunologico: una volta trapiantate, ci sono minori probabilità che il paziente manifesti una grave complicanza del trapianto denominata “malattia del trapianto contro l’ospite”.

Rispetto alle cellule staminali presenti nel midollo osseo però, quelle del sangue placentare sono in numero ridotto e per questo il trapianto si esegue nella maggioranza dei casi su bambini, o comunque su persone con peso non superiore ai 50 Kg. Il trapianto con sangue placentare si è dimostrato efficace sia tra consanguinei che fra estranei. A beneficiarne sono stati finora soprattutto pazienti in età pediatrica. Nuovi studi però danno speranza anche agli adulti: dei 1331 trapianti registrati a livello europeo dal 1988 al 2003 ben 294 sono stati eseguiti su adulti.

Il trapianto di cellule staminali da sangue placentare è quindi molto efficace ed offre sempre maggiori speranze di vita a bambini e adulti malati di leucemia.

Le differenze fra la donazione del cordone ombelicale e quella del midollo osseo.



 

Diventa donatore

Orario sede

Lunedì

09.00 - 13.00

Martedì

09.00 - 13.00

Mercoledì

09.00 - 13.00

Giovedì

09.00 - 13.00

Venerdì

09.00 - 13.00

Facebook FanBox