http://farmacia-senzaricetta.com/
CPanel

AIL sezione di Taranto

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size


Il volontariato fa bene alla salute

E-mail Stampa PDF

Banner AIL volontari V1

Dedicarsi agli altri fa bene alla salute; lo testimoniano numerose ricerche scientifiche.

Il volontariato tiene lontane patologie come la depressione e stimola la produzione di sostanze che riducono il rischio di ipertensione arteriosa. Compassione e gentilezza hanno delle ricadute importanti sull’esistenza di chi esprime tali sentimenti, attraverso attività rivolte al prossimo. Secondo gli studi condotti da David Richardson, ricercatore dell’Università del Wisconsin, i sentimenti “egoistici” hanno effetti benefici sulla salute molto meno duraturi di quelli che ci procuriamo quando diamo una mano agli altri. Ci emozioniamo per e con gli altri e questo conta più di tutto il resto. 

Suzanne Richards, dell’Università inglese di Exeter ha raccolto i risultati di una serie di ricerche sul tema, per confrontare i dati e trarre delle conclusioni. Anche il suo lavoro ha evidenziato che il volontariato fa bene all’umore e contribuisce alla salute mentale di chi lo fa, come anche alla forma fisica. Richiede infatti capacità di adattamento a situazioni diverse e non poco movimento. 

Eppure, in Italia il numero dei volontari non è così poi così alto: un sondaggio Doxa attesta che solo il 7% della popolazione svolge con costanza attività in favore degli altri. C’è addirittura chi guarda con sospetto le manifestazioni di generosità, nella convinzione che nascondano cattiva coscienza e ipocrisia. Nel mondo, invece, stando ai sondaggi effettuati dagli istituti di ricerca Doxa e Win (rete internazionale di società che si occupano di ricerche di mercato), una persona su quattro dedicherebbe il proprio tempo al bene altrui. 

Secondo questa classifica della generosità, i paesi in testa sarebbero il Paraguay e la Cina, seguiti da Australia, Sudafrica, India e dagli Stati Uniti D’America. Tassi piuttosto bassi di volontariato riguarderebbero invece la Corea del Sud e, come già evidenziato, l’Italia, ma anche l’Indonesia e il Giappone. 

Il nostro paese, dunque, ha bisogno di incrementare la percentuale delle persone dedite al volontariato. Le occasioni non mancano, naturalmente in nessun luogo del mondo, soprattutto in una fase storica complessa come quella attuale. Esistono delle piattaforme on line, per chi desidera avvicinarsi al mondo del volontariato, che consentono con un’iscrizione gratuita, di scegliere tra le tante associazioni in elenco, quella che si desidera sostenere.

A Taranto un microcosmo fatto di persone che si spendono quotidianamente per gli altri, negli ambiti più diversi, esprime una bella energia.

L’AIL Sezione provinciale fa parte di questa galassia di associazioni ed è al fianco dei pazienti ematologici e delle loro famiglie, ogni giorno. Al tempo stesso sostiene la ricerca scientifica.

Se vuoi far parte di questa grande famiglia, chiamaci (099 4533289) o vieni a trovarci in sede (Via Palmiro Togliatti, 23/B). Ti aspettiamo!

 

 

Diventa donatore

Orario sede

Lunedì

09.00 - 13.00

Martedì

09.00 - 13.00

Mercoledì

09.00 - 13.00

Giovedì

09.00 - 13.00

Venerdì

09.00 - 13.00

Facebook FanBox