http://farmacia-senzaricetta.com/
CPanel

AIL sezione di Taranto

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size


Come affronta la crisi un paziente ematologico? L’AIL lancia un’indagine, partecipa anche tu

E-mail Stampa PDF

IndagineAIL

Misurare oggi significa poter programmare domani. È importante stabilire il reale impatto delle attività umane sull’ambiente, allo scopo di correggere abitudini dei singoli e prassi aziendali, ed è fondamentale, in questa fase post-emergenziale, cominciare a misurare gli effetti che la pandemia sta producendo sulla società. 

Adottare gli strumenti giusti per farlo (i sondaggi ne sono un esempio) significa offrire alla politica la possibilità di programmare interventi di welfare, da attuare nell’immediato futuro. 

La sanità esce a pezzi da questa esperienza, sono più di 150 i medici che hanno perso la vita, spingendo il proprio impegno oltre ogni limite. Anche il personale infermieristico e gli altri operatori sanitari si sono spesi fino allo stremo perché fosse assicurata assistenza a tutte le persone che giungevano in ospedale, con i sintomi del Covid. Le somme (quantificabili in decine di milioni di euro) sottratte alla sanità pubblica, nel corso degli ultimi trent’anni, hanno determinato, durante la fase acuta della pandemia, le carenze che il Sistema Sanitario Nazionale ha mostrato. Il numero dei posti letto nelle terapie intensive, decisamente sottodimensionato, soprattutto se confrontato con quello di altri paesi europei, come la Germania, ha prodotto conseguenze irreversibili nelle regioni più colpite dalla malattia. 

Allo scopo di misurare gli effetti della pandemia sulla quotidianità dei malati ematologici, l’AIL ha lanciato un’indagine on line.

Aprendo la pagina del sito appositamente creata https://www.ail.it/tutte-le-news/879-survey-pazienti-ematologici-e-covid-19 è possibile partecipare alla ricerca, rispondendo ad un breve questionario. Lo scopo dell’associazione è appunto prendere informazioni sulle difficoltà che un paziente con una malattia del sangue è costretto a fronteggiare in queste settimane. Si indagano gli aspetti pratici, quelli emotivi e psicologici. Compilare il questionario è un gesto che si fa per sé stessi, per i propri familiari e per le altre persone nella stessa condizione clinica, in piena crisi Covid-19. Sono sufficienti venti minuti per rispondere ai quesiti; il test, è bene sottolinearlo, è completamente anonimo. 

Molti pazienti hanno avuto timore, soprattutto nel momento in cui il Coronavirus ha espresso tutto il suo pericoloso potenziale, di proseguire le terapie, di sottoporsi alle visite.

AIL chiede loro di raccontare in breve come quei momenti siano stati affrontati e come, allo stato attuale, percepiscano il loro percorso diagnostico. I dati raccolti, in forma anonima, saranno oggetto di elaborazione statistica e potranno essere utili per studiare strategie di assistenza più conformi ai nuovi bisogni. Strategie che potrebbero cambiare in meglio le prassi stesse delle associazioni che si occupano delle fragilità.  

 

 

Diventa donatore

Orario sede

Lunedì

09.00 - 13.00

Martedì

09.00 - 13.00

Mercoledì

09.00 - 13.00

Giovedì

09.00 - 13.00

Venerdì

09.00 - 13.00

Facebook FanBox