http://farmacia-senzaricetta.com/
CPanel

AIL sezione di Taranto

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size


Manifestazioni ed eventi

Vaccini alle fasce fragili. Subito!

E-mail Stampa PDF

immagini.quotidiano.net

La Sezione AIL di Taranto ritiene doveroso pronunciarsi sul tema vaccini e loro distribuzione alla popolazione nazionale. 

La disomogeneità tra le Regioni, ormai sfacciata e “colpevole”, sta penalizzando proprio quei cittadini (anziani e fragilità) che il Paese avrebbe dovuto tutelare per primi dal rischio del contagio da Sars-CoV-2. 

Abbiamo assistito “al prima gli ultranovantenni e over 80” rapidamente scivolato nel “prima le categorie professionali che vantano diritti di precedenza, non si sa bene in base a quali criteri”. 

Quella che è venuta a determinarsi è una situazione, tra l’altro, ormai sotto gli occhi di tutti, penosa e oltremodo pericolosa. 

Non solo per le persone che dovevano essere messe in sicurezza, mentre invece tuttora attendono chiuse in casa un vaccino che sembra essere la Manna dal cielo.

E lo è davvero, in questo caso. Perché il farmaco, messo dalla ricerca scientifica a disposizione del mondo in tempi record (anche se è bene ricordare, soprattutto a beneficio dei vaccino-scettici e di chi nutre legittimi timori, che la scienza stava studiando il ceppo virale del coronavirus da ben 17 anni) è davvero la nostra salvezza, assieme alle terapie monoclonali e alla prevenzione. Soltanto una vaccinazione rapida e di massa potrà restituirci quella “normalità” perduta e quasi dimenticata, negli ultimi dodici mesi. 

Dunque, la Sezione AIL di Taranto si appella alle istituzioni, a tutti i livelli esse si trovino, perché si adoperino per aprire una strada che garantisca a tutti l’accesso alla vaccinazione, possibilmente offrendo la priorità ai pazienti onco-ematologici, alle persone con problemi cardiaci, renali, neurologici, ai care giver, agli anziani con Alzheimer, agli anziani tutti, alle fasce della popolazione più svantaggiate, anche socialmente. 

Abbiamo a cuore le persone fragili, quale che sia la fragilità. Da più di 26 anni ci occupiamo, a Taranto e nella sua provincia, dei pazienti ematologici. Li seguiamo nelle loro terapie, a domicilio, in coordinamento con il reparto di Ematologia dell’ospedale S.G. Moscati; prestiamo assistenza sanitaria ma anche psicologica a loro e alle loro famiglie. 

Lo facciamo sostenuti, a nostra volta, da centinaia di persone. Cittadini che donano (anche strumenti per noi fondamentali come le mascherine, i camici e tutti i dispositivi di protezione individuale) all’AIL e hanno continuato a farlo, anche nel corso di questo difficile anno. Siamo supportati da chi cerca i gadget AIL, tra l’altro bellissimi, perché sa che dietro ci sono le parole solidarietà, ricerca scientifica, assistenza ai malati ematologici. 

Fiduciosi nel futuro, aspettiamo di vedere i primi grandi risultati della campagna vaccinale, augurandoci che faccia registrare quell’accelerazione di cui ha estremo bisogno. 

 

 

Abbiamo bisogno di te! Vieni a trovarci in piazza Immacolata il 28 marzo

E-mail Stampa PDF

159527077 5467707739907886 2841431784416033473 o

 

Diventa donatore di midollo osseo. Restituirai le ali ai sogni di tante persone in difficoltà.

Per chi è in attesa di trapianto, soltanto 1 persona su 100.000 è il tipo giusto. Potresti essere tu a salvare una vita umana!

 

Domenica 28 marzo si tiene a Taranto un’iniziativa importantissima (#MATCH4MARTA #MATCH4ALL #PERMARTAPERTUTTI) organizzata dall’ADMO Puglia (Associazione Donatori Midollo Osseo) e dall’AIL Sezione locale, a cura dell’Equipe SIT dell’ospedale SS. Annunziata di Taranto.

 

Una giornata speciale di iscrizione al Registro Donatori di Midollo Osseo. Si cercano persone di grande cuore, compatibili con una ragazza tarantina e un bambino di Martina Franca, ma anche con gli altri pazienti in attesa di trapianto.

Qualunque cittadino può iscriversi all’ADMO; se invece si desidera entrare nel Registro Italiano Donatori di Midollo Osseo, occorre avere alcuni semplici ma fondamentali requisiti, in ottemperanza alla normativa nazionale. Per donare bisogna avere un’età compresa tra i 18 e i 35 anni, pesare almeno 50 kg ed essere in buona salute. 

Marta è una ragazza di Taranto che aspetta di sottoporsi al trapianto di midollo osseo; in attesa, come lei, anche un bimbo che vive a Martina Franca. Sosteniamoli, partecipando all’iniziativa di domenica 28 marzo, in piazza Maria Immacolata. Per informazioni e prenotazione obbligatoria, si può contattare Antonella, al 347.5759519. 

Facciamo rumore! Sconfiggiamo insieme le malattie onco-ematologiche. Non voltatevi dall’altra parte, venite a trovarci. AIL e ADMO vi aspettano domenica 28 marzo 2021.

Il momento è delicatissimo, siamo in una nuova condizione di semi lockdown; non è semplice uscire di casa. Si deve farlo solo per buonissime ragioni. L’incontro di domenica lo è.

È un’ottima ragione, il migliore dei motivi, per lasciare il proprio domicilio e aiutare chi in questo momento sta soffrendo più di tutti gli altri. I pazienti, non solo quelli ematologici, vanno aiutati e protetti. È necessario tutelarli e sostenerli, ora più che mai. Con la forza della solidarietà, dell’amore, dell’empatia. 

Insieme possiamo farcela, da soli cadiamo a pezzi. Ricordiamocelo sempre, in ogni circostanza. Una ragazza, un bimbo e tantissime altre persone hanno bisogno di un trapianto. Non c’è tempo da perdere! Aiutiamoli

Sarà un gesto che porteremo con noi per tutta la vita. Ogni volta che ci penseremo, ci spunterà un sorriso sul volto, lo stesso sorriso che avremo restituito alla persona che avrà ricevuto il midollo. Non incontreremo mai quella persona fisicamente, ma sarà sempre nel nostro cuore e noi nel suo. 

Domenica 28 marzo non mancate!

Chiamate il 347.5759519. L’AIL e l’ADMO vi aspettano in piazza Maria Immacolata.   

 

 

Doniamo un uovo di Pasqua AIL, diamo coraggio ai pazienti

E-mail Stampa PDF

2AIL-uovaDelivery-1080x1080

 

“Coraggio, non siete soli, continueremo a prenderci cura di voi”.

È il messaggio che l’AIL fa arrivare ai pazienti ematologici. Un messaggio che si traduce, ogni giorno, in amore e sostegno offerto a loro e alle loro famiglie. Le difficoltà legate alla diffusione del virus SARS-CoV-2 restano, anzi siamo in una fase nuovamente critica, segnata dall’aumento dei contagi. 

Ma l’AIL non lascia indietro nessuno. Non lasciamo quindi soli i suoi volontari! Dobbiamo continuare a supportarne le attività, con maggiore energia. 

Pasqua si avvicina e l’AIL di Taranto rinnova il proprio impegno per una nuova raccolta fondi. Le modalità di distribuzione delle uova solidali, come già per le stelle di Natale, non possono essere quelle tradizionali, nel rispetto della normativa anti Covid. Proprio nei momenti di maggiore bisogno, nei contesti più difficili (quale difficoltà più grande se non quella di doversi confrontare con una pandemia) i suoi volontari sono al fianco dei pazienti, ancora più combattivi, soprattutto nell’assistenza domiciliare, curano chi non può recarsi in ospedale, e assistono psicologicamente anche le loro famiglie. 

Per questo l’AIL di Taranto ha bisogno di tutti noi. Scegliendo un uovo di Pasqua AIL si può dare un segno tangibile di solidarietà, perché non solo questa importante ricorrenza possa essere più serena, ma anche tutti i giorni a seguire. 

Oggi sette pazienti su dieci guariscono grazie alla vostra solidarietà, grazie ai contributi che offrite, che offriamo all’AIL attraverso le campagne di raccolta fondi che si tengono in occasione delle ricorrenze come la Pasqua, in occasione di altri eventi. Lo scorso anno non è stato possibile organizzarne, ma l’AIL ha portato avanti ugualmente il proprio impegno. 

Ha scelto strade alternative attraverso le quali arrivare a voi, potenziando i canali informativi e raccogliendo attorno a sé persone che hanno reso possibile le consegne a domicilio dei simboli della solidarietà. 

È il caso delle uova di cioccolato. Scegliere un uovo di Pasqua AIL significa poterlo ricevere direttamente a domicilio, dalle mani dei volontari. Il contributo offerto, in cambio di un gesto semplicissimo, alimenta la ricerca scientifica e le attività di assistenza della Sezione di Taranto.

Ricordiamo, come facciamo sempre, che oggi moltissime patologie sono curabili. Esistono terapie anche per quelle che un tempo facevano molta paura. Con AIL i sogni di tanti pazienti non si sono interrotti. Se le guarigioni sono in aumento è anche grazie alle campagne di raccolta fondi. Cosa sarebbe il mondo senza solidarietà?

Per ordinare le vostre uova di cioccolato al latte o fondente, contattate la nostra segreteria al seguente numero 0994533289, dal lunedì al venerdì, dalle 9 alle 13, oppure il giovedì pomeriggio dalle 15 alle 17.

 

Se lo si desidera è possibile chiamare la Presidente Patrizia Casarotti al 3429924948. Le uova, infine, si possono ordinare anche via mail, all’indirizzo Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. . Grazie! 

 

 

Esistono delle date per le vaccinazioni dei più fragili?

E-mail Stampa PDF

ABFO Vaccine

La campagna vaccinale procede a rilento e sono molte le persone affette da patologie “importanti”, come quelle onco-ematologiche, e da malattie croniche che si domandano quando arriverà, anche per loro, il momento di vaccinarsi contro l’infezione da Covid-19. 

Purtroppo, l’AIL attualmente non è in grado di fornire indicazioni sul calendario delle vaccinazioni, almeno per quel che riguarda la provincia di Taranto. Semplicemente perché le date non sono state rese note. Lo scorso 22 febbraio l’Asl ha dato il via alle vaccinazioni degli ultraottantenni. Contestualmente sta ricevendo il vaccino anche il personale scolastico, così come previsto dalla Regione Puglia. 

Per quel che riguarda i soggetti fragili, esiste un aggiornamento del piano vaccinale nazionale che prevede di dare loro la priorità, nella somministrazione del farmaco, in questa seconda fase della campagna. Si tratta di sei categorie, individuate sulla base delle patologie di riferimento, tra le quali anche le malattie cardiovascolari e quelle oncologiche. Sei categorie riconducibili ad una sola: l’insieme cioè dei soggetti maggiormente esposti, per via delle loro condizioni di salute, al rischio di sviluppare le complicanze in caso di contagio da Covid

Bisogna considerare che, a causa di diversi fattori, ci sono ancora degli ultranovantenni in attesa di vaccino. Un dato che fa molto discutere è la somministrazione del farmaco anti Covid ad alcune categorie professionali, a prescindere dall’età e dalle condizioni di salute. Le proteste, più che legittime, non mancano. L’Unione Europea sta cercando delle soluzioni che favoriscano un’accelerazione della campagna in ciascuno dei Paesi membri. 

L’AIL si augura che il Ministero, le Regioni e le singole ASL siano quanto prima in grado di fornire delle date certe almeno alle persone più fragili: chi segue un ciclo di chemioterapia, chi ha subito un trapianto, chiunque abbia un’immunodepressione.

Intanto i volontari portano avanti, seppure tra mille difficoltà, il proprio impegno accanto ai pazienti ematologici. In questa fase sono pronti ad accogliere anche i loro timori, i dubbi generati dall’incertezza della situazione.

Siamo quasi a Pasqua e ordinare un uovo di cioccolato è un modo semplice per sostenere le attività della Sezione AIL di Taranto. Le uova arrivano, come già le stelle di Natale, direttamente a casa, sempre grazie ai volontari. Poiché per l’AIL la trasparenza è importante, sulla pagina Facebook dell’associazione e su questo blog, una bella grafica colorata spiega come sia impiegato il contributo offerto in cambio di un uovo di Pasqua solidale.

Dei 12 euro che occorrono per avere a casa il simbolo della Pasqua e della vicinanza ai malati ematologici, 4 euro corrispondono ai costi di acquisto, per l’associazione, dell’uovo e del materiale pubblicitario, mentre 8 euro vanno direttamente ad alimentare la ricerca scientifica, le attività di assistenza ai pazienti e alle famiglie, il supporto al reparto di ematologia e le campagne informative. Che ne dite? 

Con 12 euro si può restituire il sorriso a tante persone. Per info e prenotazioni chiamare i seguenti numeri 099.4533289; 3429924948 oppure scrivere un’e-mail all’indirizzo Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. .

Grazie!  

 

 
Pagina 1 di 61

Diventa donatore

Orario sede

Lunedì

09.00 - 13.00

Martedì

09.00 - 13.00

Mercoledì

09.00 - 13.00

Giovedì

09.00 - 13.00

Venerdì

09.00 - 13.00

Facebook FanBox