http://farmacia-senzaricetta.com/
CPanel

AIL sezione di Taranto

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size


Manifestazioni ed eventi

Arrivano le Stelle e i Sogni di Cioccolato AIL

E-mail Stampa PDF

2019 0409 Locandina Venchi AILL’AIL ha tagliato un traguardo importante: 50 anni di attività al fianco dei pazienti e a sostegno della ricerca scientifica, sulle malattie ematologiche. Per l’occasione Venchi, storica azienda che produce cioccolato, ha realizzato una confezione speciale di cioccolatini assortiti. 

Sogni di Cioccolato è il nome di questa scatola, nata per veicolare un prezioso messaggio di solidarietà: stare al fianco di chi affronta un momento difficile fa bene allo spirito. Tutti insieme si può contribuire a rendere curabile un numero sempre più alto di malattie.

Succede già: grazie ai volontari AIL, alle donazioni e alla ricerca, oggi molte patologie un tempo incurabili, si affrontano con terapie efficaci e sicure.

Gli altri siamo noi, recita una nota canzone. Un concetto che AIL promuove da tempo. Essere parte del grande progetto dell’Associazione non è difficile: basta accogliere l’invito che AIL rivolge a tutti, nel corso delle campagne di raccolta fondi, promosse nelle occasioni più diverse. 

Quest’anno, oltre alle tradizionali Stelle di Natale, è possibile trovare, in molte piazze d’Italia (e presso le sedi di tutte le sezioni provinciali), i Sogni di Cioccolato, nelle date del 6, 7 e 8 dicembre. 

Anche i volontari di Taranto e della provincia stanno preparando la raccolta fondi di Natale. Le piazze che ospiteranno i tradizionali banchetti con le Stelle e i cioccolatini Venchi sono più di trenta, delle quali sei nel capoluogo jonico, le altre nelle località della provincia. 

I volontari saranno in piazza della Vittoria, a Talsano; in piazza Sicilia (lato viale Liguria); in piazza Maria Immacolata e, al Borgo, anche in piazza Giovanni XXIII. Sarà inoltre possibile assicurarsi, in cambio di un piccolo contributo, una o più Stelle di Natale e i Sogni di Cioccolato, anche recandosi in viale Magna Grecia, presso la Concattedrale e in via Ancona, presso la chiesa Santa Rita. 

La stella AIL non è una pianta qualunque, così come la scatola di cioccolatini Venchi non è una delle tante confezioni natalizie che popolano i supermercati, in questo periodo dell’anno. Si tratta di Stelle speciali e Sogni di Cioccolato realizzati appositamente per l’Associazione fondata dal professor Franco Mandelli. 

Simboli della lotta contro le malattie ematologiche, strumenti attraverso i quali esprimere solidarietà nei confronti di chi soffre, perché ogni malato di leucemia ha la sua buona stella.

Ogni paziente ha, come tutti, sogni che attendono di realizzarsi. Il più grande è quello di poter guarire. E tu puoi fare in modo che questo sogno diventi realtà. Memorizza queste date: 6, 7 e 8 dicembre.

 

 

Insieme si fanno miracoli!

 

 

Incontri in sala d’attesa il 22 novembre

E-mail Stampa PDF

Locandina22Nov AILIncontri in sala d’attesa è il titolo di un’iniziativa organizzata dalla sezione locale dell’Associazione italiana contro leucemie-linfomi e mieloma, con il supporto di Random Acoustic Project. 

L’appuntamento è per il 22 novembre prossimo, data in cui si celebra Santa Cecilia, protettrice dei musicisti e dei cantanti, presso l’ospedale S. Giuseppe Moscati di Taranto. 

Proprio i musicisti, insieme con i volontari Ail, animeranno, a partire dalle 10.00 una mattinata speciale, durante la quale Ail incontrerà i pazienti del Day Hospital, sulle note del Random Acoustic Project. 

Il 22 novembre è tradizionalmente il giorno in cui a Taranto si avviano le celebrazioni natalizie. Tutte le case del capoluogo jonico (o comunque quelle delle tante famiglie che ancora osservano la tradizione), profumano sin dalle primissime ore del mattino, di pettole. 

Frittelle golose, coperte di zucchero o salate, semplici o addirittura farcite troneggiano sulle tavole per tutto il periodo delle feste. Anche negli spazi del Day Hospital, tra pochi giorni, si spargerà il profumo delle pettole.

Secondo la tradizione queste sfere irregolari fritte sarebbero nate per errore: una donna uscita in strada perché attratta dal suono delle zampogne, all’alba del 22 novembre di un anno imprecisato, avrebbe lasciato l’impasto per il pane a lievitare. Al suo rientro la pasta troppo cresciuta, non più adatta alla preparazione del pane, sarebbe stata usata per fare le pettole.

Le frittelle tarantine non mancheranno nemmeno negli spazi del Day Hospital, il prossimo 22 novembre. Saranno anzi un ottimo veicolo per scambiare informazioni importanti sulle attività che l’Ail svolge all’interno della struttura ospedaliera e fuori, nelle case dei pazienti o nelle piazze, durante le raccolte fondi.

Alla musica, quel giorno, penserà il già citato Random Acoustic Project, con la voce di Ilaria Fuggetti, Tonio Mantua, alla chitarra e Antonio Caprara alla batteria. 

Non perdete l’occasione di incontrare i volontari Ail, proprio in uno degli ambiti dove si esprimono le eccellenze della sanità jonica e l’impegno di chi opera per la sezione locale dell’Associazione. Persone con una grande umanità, grande senso di solidarietà e professionalità. 

Si ricorda che è possibile sostenere l’Ail in ogni momento dell’anno.

A breve si renderà noto l’elenco delle piazze tarantine interessate, nel primo fine settimana di dicembre, dalla campagna di raccolta fondi natalizia. Un piccolo contributo per una Stella di Natale o per una Scatola di Cioccolatini Venchi rappresenterà, per tanti pazienti e per la ricerca scientifica, una grande mano. 

 

 

L’importanza della ricerca scientifica e i sostenitori regolari Ail

E-mail Stampa PDF

RIcercaSostenitoriAil AIL

Sperimentazioni ardite che conducono a risultati sorprendenti, come alcune terapie di ultima generazione (le Car-T di ne sono un esempio) sono il frutto del costante sostegno offerto alla ricerca scientifica. 

La lotta ai tumori del sangue ha raggiunto obiettivi importantissimi.

Per i pazienti affetti dalla leucemia mieloide cronica, il tasso di sopravvivenza a 10 anni ha raggiunto il 90%; il numero dei sopravvissuti alla leucemia acuta mieloide è raddoppiato in soli 10 anni e per chi si ammala di leucemia acuta linfoide (nella forma Ph+), la guarigione completa è un traguardo quasi sempre certo.

Persino la leucemia acuta promielocitica, un tempo malattia dal decorso rapido e letale, oggi è guaribile anche senza il ricorso alla chemioterapia. 

Obiettivi importantissimi raggiunti in poco tempo: una vera e propria conquista per la ricerca scientifica, per tutti noi.

#Mai più sogni spezzati dunque, grazie all’impegno dei medici, degli scienziati, dei tecnici e grazie al contributo dei donatori AIL. Sostenere l’associazione e la ricerca è semplice: si può farlo attraverso le campagne di raccolta fondi, attive in diversi momenti dell’anno (imminente quella che vede protagoniste le Stelle di Natale e, per il 2019, anche i cioccolatini Venchi creati ad hoc per l’AIL), attraverso le donazioni spontanee (tutte le indicazioni sono in questo sito, nella sezione dedicata) e quelle regolari.

L’Associazione contro leucemie-linfomi e mieloma finanzia oltre 100 professionisti, tra medici, biologi e tecnici di laboratorio e porta avanti 188 progetti di ricerca scientifica. 

Le donazioni periodiche consentono nuovi studi, l’attivazione di nuovi laboratori e la messa a punto di percorsi terapeutici innovativi, alcuni dei quali studiati sul singolo paziente. 

Una realtà che genera speranze sempre più concrete di guarigione, per molte patologie del sangue una volta ritenute incurabili. Una prospettiva incoraggiante per tutti noi. La possibilità di un nuovo inizio per i tanti ai quali, ogni giorno, viene diagnosticata una malattia onco-ematologica. Una diagnosi che non è più una condanna, piuttosto l’inizio di un percorso, spesso complicato, ma dall’esito, in moltissimi casi, positivo. 

Essere sostenitori regolari AIL significa contribuire a restituire i sogni a tanti pazienti che lottano ogni giorno per sconfiggere la malattia. I donatori regolari sono fondamentali anche per il finanziamento delle borse di studio, per i giovani ricercatori laureati in Medicina, Scienze Biologiche o Biotecnologie. Professionisti che un giorno lavoreranno presso i tanti laboratori, presenti in Italia e all’estero. Per maggiori dettagli sulle donazioni regolari visita la seguente pagina: https://donazioniregolari.ail.it/?utm_source=facebook&utm_medium=referral&utm_campaign=banner_homepage&utm_term=simone&utm_content=banner

 

 

Raccontarsi per conoscersi: con AIL a Laterza il 13 novembre

E-mail Stampa PDF

PUBBLICITA TARANTO StelleAIL

 

AIL incontra. Raccontarsi per conoscersi”.

È il titolo di un evento organizzato dalla sezione locale dell’Associazione contro le leucemie-linfomi e mielomi, in collaborazione con il Comune di Laterza, che offre all’iniziativa il suo patrocinio. L’appuntamento è fissato per mercoledì 13 novembre, alle 18.00. Ad ospitare le numerose testimonianze in programma, la Cittadella della Cultura, in via Cesare Battisti n. 51, a Laterza. 

Nella località definita il “canyon d’Europa”, ricca di chiese rupestri e di tracce che l’uomo ha lasciato in epoca preistorica, l’Ail vuole incontrare la cittadinanza laertina per raccontarsi, far conoscere la propria mission e per incontrare la platea cittadina di uno dei luoghi più suggestivi della provincia jonica. 

Il focus dell’evento sarà rappresentato dal racconto dettagliato delle attività che l’associazione svolge, quotidianamente, in favore dei pazienti ematologici: non soltanto le persone ricoverate nel reparto di Ematologia dell’ospedale oncologico S. Giuseppe Moscati, ma anche coloro i quali necessitano di assistenza a domicilio. Servizio che l’Ail, Sezione di Taranto (che quest’anno ha celebrato il suo venticinquesimo anniversario), offre ai malati di tutto il territorio provinciale. 

L’incontro servirà non soltanto ad illuminare il lavoro dei volontari dell’associazione ma anche ad illustrare il ruolo attivo che i cittadini e le istituzioni rivestono, nel sostenere l’associazione: le sue tante azioni, così come la ricerca scientifica. Senza questo importante tassello, nessun progresso, nell’ambito delle terapie e degli interventi medici, sarebbe possibile. Né le percentuali di guarigione potrebbero, come già fanno, guadagnare punti. 

Tra gli ospiti della serata Patrizio Mazza, Direttore Sanitario della Struttura Complessa di Ematologia – Ospedale Moscati di Taranto; Gregorio Colacicco, Direttore Sanitario Asl Ta1; Mario Cetera, Direttore S.C. MECAU P.O. di Castellaneta; Sebastiano Di Lena, Urologo P.O. Castellaneta; Irene Saggiorato, Infermiera Cure a Domicilio Ail Taranto e naturalmente la Presidente dell’Associazione – Sezione Locale, Patrizia Casarotti. Gianfranco Lopane, sindaco di Laterza aprirà l’incontro. Mentre a moderare il dibattito sarà Michele Cristella, Presidente U.T.E.P. locale.

Si toccheranno temi importanti quali il rapporto tra assistenza domiciliare Ail e cure ospedaliere, la presenza dei medici di medicina generale nella rete delle cure domiciliari offerte dall’associazione, l’importanza di esercitare la solidarietà, il ruolo del volontario anche durante le campagne di raccolta fondi. 

L’elenco completo dei relatori è riportato nella locandina dell’iniziativa, a corredo di queste righe. Partecipare a questo genere di incontri è fondamentale, per comprendere in che modo le attività dell’Ail siano gestite, quali siano gli obiettivi della rete dei volontari, e quanti progressi finora abbiano fatto la pratica dell’assistenza e, naturalmente, la ricerca scientifica. Grazie al contributo di tutti. Anche al vostro impegno. I passi avanti che i ricercatori compiono, ogni giorno, sono fondamentali per tutti noi. 

 

 

 
Pagina 5 di 36

Diventa donatore

Orario sede

Lunedì

09.00 - 13.00

Martedì

09.00 - 13.00

Mercoledì

09.00 - 13.00

Giovedì

09.00 - 13.00

Venerdì

09.00 - 13.00

Facebook FanBox