http://farmacia-senzaricetta.com/
CPanel

AIL sezione di Taranto

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size


Manifestazioni ed eventi

Al via la campagna “Stiamo percorrendo nuove strade”

E-mail Stampa PDF

StiamoPercorrendoNuoveStrade AIL-1

Tra pochi giorni termina il Blood Cancer Month. L’iniziativa così denominata (in italiano “Mese dedicato ai tumori del sangue”) fu ideata negli Stati Uniti d’America all’inizio degli anni Duemila.

Un altro modo per condividere informazioni su queste patologie, per sensibilizzare le persone e le istituzioni sul tema, per far loro conoscere le difficoltà che i pazienti ematologici e le loro famiglie incontrano nel percorso verso la guarigione. 

Quest’anno Janssen Oncology, con il patrocinio dell’AIL promuove una campagna dal titolo “Stiamo percorrendo nuove strade”. Un titolo positivo, che lascia immaginare nuove possibilità di cura. Ed è effettivamente così. La ricerca scientifica compie ogni giorno grandi passi avanti, nell’individuare i meccanismi cellulari che stanno alla base della formazione e proliferazione dei tumori del sangue. 

Sono tanti, purtroppo, e ciascuna patologia richiede attività di studio lunghe e mirate, naturalmente. Ma grazie al contributo dei donatori, i ricercatori riescono ad individuare nuove strade, per l’appunto, da percorrere, per aggredire i tumori. 

Le leucemie sono le più conosciute. Si caratterizzano per l’alterazione delle normali cellule del sangue: globuli rossi, bianchi e piastrine. Le statistiche parlano chiaro: nel 2019 sono stati registrati circa 8600 nuovi casi di leucemia, dei quali 5000 riguardano gli uomini e 3600 le donne. 

L’AIL si batte da oltre 50 anni anche contro i linfomi e i mielomi, patologie meno note. Grazie alla ricerca, oggi molte di queste malattie si possono rendere croniche e tenere sotto controllo, con terapie sempre più efficaci. 

Un altro grande risultato che si deve ai progressi della scienza, alimentati dalla generosità di quanti (come voi, come noi) sostengono l’AIL e le associazioni affini.

La campagna “Siamo percorrendo nuove strade” sarà attiva dalla fine di settembre, fino alla metà di ottobre. Le strade sono quelle percorse dai ricercatori, ma anche dai volontari AIL, di ogni Sezione provinciale, compresa quella di Taranto, naturalmente. E soprattutto da chi dona.

Il messaggio che la campagna intende veicolare attraverserà le piattaforme social. Sarà possibile utilizzare un filtro Instagram per postare foto e video sull’argomento. #percorriamonuovestrade servirà non solo ai pazienti ma a tutti coloro i quali vorranno informarsi, stare al fianco delle persone colpite da una malattia del sangue, testimoniare storie di guarigione, condividere notizie che arrivano direttamente dal mondo della ricerca. Continuate a seguirci! Arriveranno altre utili informazioni su questa e su altre campagne.  

 

 

I Seminari AIL, occasione per dialogare con i medici

E-mail Stampa PDF

Seminario AIL

Anche a settembre il Numero Verde AIL - Problemi Ematologici 800 226524 continua ad essere un punto di riferimento per i pazienti e per le loro famiglie, in tutta Italia.

Ogni lunedì, giovedì e venerdì, dalle 15 alle 17, è possibile dialogare con un ematologo. Tutti i martedì, invece, risponde alle chiamate un esperto in Diritto del Lavoro e agevolazioni sociali; la fascia oraria non cambia. Infine, il mercoledì è lo psico-oncologo ad essere a disposizione dei pazienti, per offrire supporto e indicazioni. 

L’AIL ha inoltre organizzato diversi seminari che è possibile seguire a distanza, attraverso il web. Sabato 26 settembre è la volta della formazione sulle malattie mieloproliferative croniche Ph negativo. 

Medici specializzati in Ematologia fanno il punto sulla situazione attuale, sugli sviluppi della ricerca, sulle cure riguardanti le patologie di Mielofibrosi, Trombocitemia e Policitemia. Si tratta di un vero e proprio seminario pazienti-medici, al termine del quale i primi possono rivolgere le loro domande agli specialisti. Per partecipare è sufficiente iscriversi, aprendo il seguente link  L’evento è on line, dalle 10 alle 13. 

Il mese è ricco di appuntamenti: lo scorso 15 settembre si è tenuta la Giornata Mondiale della consapevolezza sul linfoma, mentre oggi (22 settembre) è la Giornata Mondiale della Leucemia Mieloide cronica. Sono occasioni di confronto per gli esperti, ma soprattutto giornate utili a sensibilizzare l’opinione pubblica su questi temi, sull’importanza della ricerca, sul valore della solidarietà. 

L’AIL Sezione Provinciale di Taranto continua a raccogliere, grazie al suo operato in ospedale e presso le famiglie, preziosissime attestazioni di stima e di vicinanza.

Le donazioni sono fondamentali perché l’impegno dell’Associazione, presente sul territorio jonico da oltre 25 anni, possa proseguire con la costanza di sempre. Se l’AIL è in grado di offrire ai pazienti ematologici e alle loro famiglie servizi diversi, tra i quali il Numero Verde e i Seminari è anche grazie alle numerose donazioni. Un contributo, anche piccolo, può salvare tante vite umane. 

 

 

Nuova donazione per il DH di Ematologia del Moscati

E-mail Stampa PDF

Un reparto di Ematologia ha bisogno di tante risorse. È sempre bene sottolineare l’importanza che la professionalità dei medici e degli infermieri e la composizione dell’organico rivestono all’interno di una struttura ospedaliera. 

Le apparecchiature, gli strumenti necessari ad operare nella maniera più corretta e rapida possibile, tra le corsie di un centro di cura, sono altrettanto importanti. 

Ben vengano dunque le donazioni finalizzate ad arricchire i reparti di Ematologia di nuovi “strumenti”. Elementi che possano “migliorare” il lavoro del personale ospedaliero, a tutto vantaggio di chi si trova ricoverato o di chi si reca costantemente nei reparti per seguire terapie di cura. 

Fatta questa premessa, l’AIL Sezione di Taranto desidera ringraziare una nostra anonima benefattrice che ha donato all’Associazione la somma di 2.300 euro, chiedendo espressamente che fosse impiegata per l’acquisto di schedari. L’AIL ha provveduto a sistemarli negli spazi del Day Hospital (DH) del reparto di Ematologia dell’ospedale Moscati. 

La donazione è stata consegnata dall’AIL all’ospedale lo scorso 16 settembre, ovviamente sotto forma di schedari per ufficio nuovi di zecca. Ogni paziente, ciascun accompagnatore, chiunque capiti in reparto, in particolare nel DH, potrà rendersene conto.

Gli schedari non sono complementi d’arredo, ma contenitori ricchi di informazioni di vitale importanza, per tutte le attività che riguardano il DH del reparto di Ematologia del Moscati. 

Sono la prova tangibile della generosità della nostra donatrice e delle persone che, come lei, credono nel valore della solidarietà, nello spirito di comunità, nella condivisione. 

La grande famiglia AIL si allarga; ai volontari che sono da anni impegnati nell’assistenza ai pazienti, se ne aggiungono ogni giorno di nuovi. Persone che insieme fanno la forza dell’Associazione, in particolare della sua Sezione provinciale, guidata dalla Presidente Patrizia Casarotti. 

Continuate a sostenere l’AIL, continuiamo a lottare tutti insieme contro la diffusione delle malattie del sangue. Possiamo alimentare, anche con piccoli contributi, la ricerca scientifica, per rendere sempre più curabili il maggior numero di patologie. Possiamo stare al fianco dei pazienti, divenendo volontari AIL o semplicemente attraverso le donazioni. Insieme possiamo essere in grado di migliorare i nostri ospedali, dotandoli di nuove apparecchiature, nuovi strumenti di lavoro, proprio come ha fatto la signora Piccione. 

Ancora grazie a chi sostiene l’associazione, sia in maniera costante, sia occasionalmente.

Sono gocce importanti nel mare della solidarietà. Perché sia possibile sconfiggere anche le malattie che attualmente non hanno una prognosi favorevole. Insieme si può. È già accaduto. 

image

 

 

L’importanza dei lasciti solidali - Visita il nuovo sito

E-mail Stampa PDF

10-cose

La cultura della solidarietà ha bisogno di essere alimentata. Lo scorso 13 settembre è stata celebrata la Giornata Internazionale del Lascito solidale, proprio per sensibilizzare la popolazione mondiale su questo tema. L’AIL e gli altri membri del Comitato Testamento Solidale promuovono costantemente questa forma di iniziativa; in occasione della Giornata Internazionale l’Associazione ha voluto, in accordo con le altre, porre l’accento sul momento critico che il Paese (il mondo intero) sta attraversando, a causa della pandemia da Covid-19. 

Si è dunque lavorato allo scopo di trasferire on line l’intera campagna, cercando nuovi punti di contatto con i potenziali donatori. Nuovi spazi attraverso i quali diffondere la cultura del lascito solidale. Gli incontri fisici sono complicati in questo momento dalle misure doverosamente adottate per arginare la diffusione del virus e il web è la vetrina ideale per continuare ad incontrarsi, a veicolare messaggi importanti. Come quello sul lascito solidale. 

L’AIL Sezione provinciale di Taranto ricorda che si tratta di un gesto d’amore alla portata di tutti. Scrivere un testamento solidale, decidendo di donare una parte (anche piccolissima) dei propri beni all’AIL, significa salvare la vita di qualcuno. Alimentando la ricerca, finanziando le attività dell’associazione in favore dei pazienti. L’assistenza domiciliare e quella ospedaliera sono gli ambiti nei quali i volontari AIL esprimono sé stessi, supportando chi affronta un momento critico, come quello rappresentato da una malattia ematologica. Nessuno si salva da solo. Insieme si può invece costruire qualcosa di grande, contribuire a scoprire una nuova cura, nuove terapie per patologie complesse. 

Per approfondire l’argomento, è possibile visitare il sito web https://testamentosolidale.org/, completamente rinnovato. In alternativa si può consultare la nuova pagina Facebook https://www.facebook.com/testamento.solidale.org.

Grazie alla partnership con il Consiglio Nazionale del Notariato, sono disponibili video esplicativi sugli argomenti di interesse comune, riguardanti i lasciti e le modalità attraverso le quali avvengono. Sono i notai a rispondere, nei video, alle domande più frequenti. 

“Ogni volta che riceviamo un lascito mi commuovo perché penso che una persona abbia capito, con il cuore, quanto possiamo fare e facciamo ogni giorno, per aiutare i pazienti ematologici. Con un lascito possiamo cambiare l’esistenza del malato e permettergli di guardare al futuro, anche di fronte ad una patologia molto seria”.

Il pensiero del professor Franco Mandelli, compianto scienziato e fondatore dell’AIL, testimonia, come meglio non si potrebbe, l’importanza di questo gesto di solidarietà. 

 

 
Pagina 5 di 55

Diventa donatore

Orario sede

Lunedì

09.00 - 13.00

Martedì

09.00 - 13.00

Mercoledì

09.00 - 13.00

Giovedì

09.00 - 13.00

Venerdì

09.00 - 13.00

Facebook FanBox