http://farmacia-senzaricetta.com/
CPanel

AIL sezione di Taranto

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size


Manifestazioni ed eventi

La solidarietà dei tarantini non è una sorpresa


E-mail Stampa PDF

IMG 3288Le uova dell’AIL sono tornate in piazza, lo scorso fine settimana, per la consueta raccolta di solidarietà e i risultati non sono mancati. Taranto ha partecipato all’iniziativa, rispondendo con entusiasmo, all’invito dell’associazione italiana contro le leucemie-linfomi e mieloma. I nostri volontari sono riusciti a distribuire circa 4000 uova con sorpresa, in tutta la provincia.

Nonostante il cielo grigio e la pioggia che non si è fermata neanche nei giorni della campagna (il 5, 6 e 7 aprile), gli stand con le classiche uova pasquali, sono stati frequentatissimi, da adulti e bambini. Perché il valore della solidarietà si insegna ed è importante sperimentare la gioia di aiutare gli altri, sin da bambini.

Non sono mancati particolari momenti di socializzazione, presso i punti della città allestiti ad hoc per la vendita delle uova. Ricordiamo che i volontari AIL erano in piazza Maria Immacolata, piazza Giovanni XXIII, piazza Sicilia e anche nella piazza della Concattedrale.

Numerose sono state anche le richieste di informazioni relative alle attività dell’AIL a Taranto, la cui sede si trova a due passi dall’ospedale oncologico G. Moscati, al quartiere Paolo VI.

Alcuni dei nostri volontari sono entrati in contatto, proprio nei giorni della campagna di Pasqua, con un militare francese, Silvano. Interessato al loro lavoro, ha offerto il suo contributo, acquistando l’uovo di cioccolato e promettendo di spendersi in prima persona, al fianco dell’AIL.

Protagonista, anche lo scorso fine settimana, è stato Francesco Vaccaro. Con la sua energia e i suoi post su Facebook, contribuisce a diffondere i valori dell’associazione. Francesco è un assistito AIL che ha fatto suo, in qualche modo, l’impegno dei volontari in favore delle persone affette da malattie ematologiche. E’ una sorta di ambasciatore dell’associazione; con la sua vitalità, è anche una testimonianza dell’efficacia degli interventi del nostro team di medici ed infermieri ed è naturalmente un simbolo per tutte le persone che soffrono. Il suo è un messaggio di incoraggiamento e positività. 

Il fine settimana dedicato alla campagna è terminato ma c’è ancora la possibilità di assicurare il proprio sostegno all’AIL di Taranto, con un minimo contributo di 12 euro, in cambio di un uovo di Pasqua di buonissimo cioccolato. I punti vendita presso i quali le uova sono disponibili fino ad esaurimento delle scorte sono i seguenti: il caseificio Vito Benedetto in viale Liguria e la gelateria Trani in via Alto Adige.
Per chi si trova a Martina Franca, l’Hospice San Bartolomeo è un altro punto presso il quale è possibile acquistare le uova AIL. 

 

Quattro chiacchiere con la Presidente

E-mail Stampa PDF

Patrizia

Parliamo con Patrizia Casarotti, presidente AIL Sezione di Taranto, dell’imminente campagna di solidarietà, che si tiene ogni anno in tutte le piazze italiane, in occasione della Pasqua.



Ci siamo. Il prossimo fine settimana tornano in piazza le uova di cioccolato AIL. Dove è possibile trovare i vostri volontari?


Venerdì 5, sabato 6 e domenica 7 aprile saremo in piazza Giovanni XXIII (ovvero piazza Carmine), piazza Maria Immacolata, piazza Sicilia e nel piazzale antistante la Concattedrale. Con un contributo minimo di 12 euro sarà possibile aiutare chi soffre ad affrontare meglio la malattia, sostenere la ricerca su leucemie, mielomi e linfoma e, in più, si potrà portare a casa un uovo di cioccolato.



L’uovo è un simbolo della Pasqua, della vita che inizia. Per voi è un veicolo di solidarietà, di impegno nei confronti di chi combatte la più dura delle battaglie: quella contro la malattia.

Come risponde in genere Taranto a queste iniziative?



Domenica scorsa abbiamo anticipato, per chi era al teatro Tatà, in occasione di uno spettacolo dell’Archivio Marescotti, l’offerta delle uova di cioccolato. Abbiamo raccolto tanto sostegno, e una discreta somma di denaro. Ogni contributo, anche il più piccolo, è importante per la prosecuzione delle nostre attività e Taranto risponde sempre al meglio alle iniziative che portiamo avanti. Siamo stati invitati a partecipare all’evento di domenica, perché la nostra associazione è in qualche modo contigua all’associazione Peacelink, della quale Alessandro Marescotti è fondatore. Ci occupiamo certo di cose diverse, ma ci lega l’impegno per la comunità, la volontà di migliorare il territorio. 



Siete impegnati sul fronte della ricerca ed anche su quello dell’assistenza. Si può fare una stima riguardo al numero delle persone che si rivolgono a voi?


Assistiamo a domicilio circa 200 persone, in tutta la provincia di Taranto. Possiamo contare su un team costituito da tre medici, quattro infermieri, due operatori socio sanitari, un fisioterapista ed una psicologa.
Siamo sul territorio ormai da 25 anni, e abbiamo nel corso della nostra storia, organizzato iniziative di ogni genere, tra le quali anche importanti convegni. 
Stiamo preparando, per il prossimo giugno, un evento che porterà a Taranto personalità di spicco del mondo della ricerca e del volontariato. Ci sarà anche il presidente AIL nazionale. Daremo notizie più precise prossimamente, attraverso i nostri canali di comunicazione. Intanto non dimenticate di venire a trovarci in piazza, il prossimo fine settimana. E’ un modo per fare qualcosa di buono, in tutti i sensi, per se stessi e per gli altri.

 

31 marzo 2019 Un evento al TATA' - ANTEPRIMA UOVA

E-mail Stampa PDF

WhatsApp Image 2019-04-05 at 15.20.06Vogliamo ringraziare tutti coloro i quali, vicini ad AIL, sezione di Taranto hanno voluto offrire il proprio contributo domenica scorsa, assicurandosi le prime uova di cioccolato della Campagna 2019.

Lo scorso 31 marzo abbiamo, infatti, dato “VITA ALLA RICERCA”, come recita il claim della campagna AIL di quest’anno, partecipando ad un’iniziativa organizzata dall’Archivio Luciano Marescotti, presso il teatro Tatà.

Una rivisitazione critica della prima guerra mondiale, attraverso danze, immagini e filmati dell’epoca. I volontari dell’AIL, presenti negli spazi del Tatà con i loro stand, hanno raccolto oltre 250 euro.

Un contributo importante, che anticipa in qualche modo l’iniziativa che si terrà in tutta Italia,

il prossimo fine settimana: l’offerta delle uova di Pasqua AIL. La sezione di Taranto è stata lieta di “affiancare”, non solo simbolicamente, la rievocazione storica andata in scena domenica.

“Gli ideali che ispirano l’associazione Peacelink, di cui Alessandro Marescotti (figlio di Luciano) è anima - sottolinea Patrizia Casarotti, presidente AIL provinciale - sono alla base anche del nostro impegno. Anche noi, come Peacelink, lavoriamo per migliorare il territorio tarantino”.

Il denaro raccolto domenica andrà naturalmente a finanziare le numerose attività che l’associazione locale organizza in favore delle persone affette da leucemia, linfoma e mieloma.

AIL è attiva nel capoluogo jonico e in tutta la provincia da 25 anni.

Oltre a sostenere la ricerca ed essere “operativa” negli stessi ospedali, offre assistenza domiciliare ai pazienti, grazie all’impegno di un’equipe composta da tre medici, quattro infermieri, due operatori socio-sanitari, un fisioterapista ed una psicologa.

Continuiamo, tutti insieme, a stare accanto a chi combatte contro la malattia. Venite a trovarci in piazza il 5,6 e 7 aprile. Un uovo di cioccolato può aiutare a schiudere nuove possibilità di cura per chi è affetto da una malattia ematologica.

 

Uova AIL Fine WEEK

E-mail Stampa PDF

copertina

 

 

Il 5, 6 e 7 aprile tornano in piazza i volontari dell’AIL, con le uova solidali. Iniziativa che giunge, quest’anno, alla sua ventiseiesima edizione.

Quattromilaottocento sono invece le piazze italiane che si arricchiranno, ancora una volta, delle forme e dei colori della Pasqua.

Le uova di cioccolato sono infatti, anche quest’anno, una “golosa” occasione per dare una mano a chi affronta una malattia oncoematologica; ai medici e ai ricercatori che combattono ogni giorno, in laboratorio e negli ospedali, per mettere a punto terapie sempre più mirate ed efficaci.

A Taranto gli stand dell’Associazione Italiana contro le Leucemie-Linfomi e Mieloma saranno presenti in quattro diversi punti della città: in piazza Maria Immacolata, piazza Giovanni XXIII (conosciuta anche come piazza Carmine), piazza Sicilia e Concattedrale (area antistante).

Sarà possibile acquistare le uova dalle 9 alle 13 e, nel pomeriggio, dalle 16 alle 21. In piazza Carmine i volontari saranno presenti dalle 9 alle 21, senza interruzioni.

Le uova di cioccolato, al latte o fondente, saranno offerte a fronte di un contributo minimo di 12 euro.

La maniera migliore di interpretare la Pasqua o semplicemente celebrare la primavera, senza dimenticare che si può sostenere l’AIL tutto l’anno.

Per sapere come fare consultare la relativa pagina, sul nostro sito (http://www.ail.taranto.it/index.php?option=com_content&view=article&id=86&Itemid=86).

I fondi raccolti con la campagna del 5 - 6 - 7 aprile saranno impiegati per sostenere la ricerca scientifica e le attività di assistenza rivolte alle persone di tutte le età, affette da malattie ematologiche.

L’AIL offre ai pazienti dei centri di terapia anche la possibilità di alloggiare in strutture appositamente realizzate nei pressi degli stessi, e promuove inoltre attività ludico-culturali presso i reparti ospedalieri.

 
Pagina 6 di 23

Diventa donatore

Orario sede

Lunedì

09.00 - 13.00

Martedì

09.00 - 13.00

Mercoledì

09.00 - 13.00

Giovedì

09.00 - 13.00

Venerdì

09.00 - 13.00

Facebook FanBox