http://farmacia-senzaricetta.com/
CPanel

AIL sezione di Taranto

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size


Manifestazioni ed eventi

Angeliflex e UnipolSai donano mascherine all’AIL, mentre prosegue la distribuzione delle Uova di Pasqua a domicilio

E-mail Stampa PDF

UOVA SS Annunziata 8APR2020 AIL-1La generosità scalda il cuore e aiuta materialmente tante persone. L’AIL sta registrando, in queste ore, diverse manifestazioni di solidarietà. L’equipe multidisciplinare dell’Associazione locale si prende cura dei pazienti ematologici a domicilio, anche ai tempi del Coronavirus, nonostante le difficoltà del momento. La diffusione del contagio ha comportato anche il trasferimento della Struttura di Ematologia, dall’ospedale S. G. Moscati alla Casa di cura D’Amore. L’AIL ha continuato a lavorare sodo, per garantire sostegno ai pazienti e alle loro famiglie, anche nel nuovo contesto.

L’impegno dell’Associazione è sostenuto da tanti volontari e tantissimi donatori, senza i quali nulla sarebbe possibile.

A questo proposito la Sezione provinciale di Taranto, guidata dalla presidente Patrizia Casarotti, intende ringraziare l’azienda ANGELIFLEX (via Brigantini – Lama) e la UNIPOLSAI (viale Virgilio – Taranto), quest’ultima nella persona del dottor Bellucco, per aver donato all’Associazione dispositivi di protezione individuale. Le mascherine delle quali gli operatori AIL hanno estremo bisogno, per svolgere le attività quotidiane in favore dei pazienti. Queste donazioni sono un segno importante per tutti i volontari. Una “spinta” a proseguire sulla strada che l’AIL percorre da 25 anni a questa parte, nella provincia di Taranto e, a livello nazionale, da 50 anni. 

Ricordiamo che è sempre possibile donare materiale sanitario all’Associazione, basta mettersi in contatto con la segreteria della sede AIL a Taranto, attraverso il numero di telefono 099 4533289.

Inoltre, anche se l’iniziativa Uova di Pasqua AIL 2020 è stata annullata per via dell’emergenza sanitaria, il fatto che non sia stato possibile allestire i consueti banchetti nelle piazze di Taranto non impedisce di ordinare un Uovo AIL.

I volontari della provincia si sono attrezzati per assicurare la distribuzione delle uova solidali. Con un piccolo contributo si può avere direttamente a casa l’uovo di cioccolato, fondente o al latte, far contenti i più piccoli, ma anche gli adulti e soprattutto dare una mano a chi soffre. 

Di seguito un elenco con i numeri da contattare, località per località, per ordinare l’Uovo di Pasqua AIL 2020:

  • 342 9924948 per Grottaglie;
  • 335 6468015; 338 9845920 per San Giorgio;
  • 373 5243698; 338 6562710 per Crispiano;
  • 335 6589622; 346 1809225 per Statte;
  • 338 1509523; 328 3864282 per Ginosa;
  • 3388209579 per Castellaneta;
  • 345 9483386 per Palagianello;
  • 333 1246651 per Laterza
  • 347 4118649 per Massafra.

Per Taranto, naturalmente le prenotazioni devono pervenire telefonando al numero, già citato, tutti i giorni dalle 9 alle 12.

Le malattie non si fermano, ma la solidarietà corre ancora più velocemente. Insieme ma distanti, possiamo farcela! Prenotate il vostro UOVO di Pasqua AIL, aiuterete chi in queste ore affronta una dura battaglia contro la malattia.

 

 

Doniamo mascherine e guanti all’AIL

E-mail Stampa PDF

bambina-mascherina10In una situazione inedita come quella che il mondo intero sta attraversando è fondamentale fare appello allo spirito solidale che alberga in ognuno di noi. Ogni singola persona, a prescindere dal sesso e dell’età, può fare moltissimo per dare una mano agli altri. A volte lo si fa anche inconsapevolmente. Questo è invece il momento della consapevolezza, della responsabilità e della generosità.

La tutela delle persone più fragili, in un contesto del genere, è il pensiero costante dell’AIL. La rete associativa che copre tutto il territorio nazionale si è stretta, in questi giorni, ancor più attorno ai pazienti ematologici, alle loro esigenze. Nonostante non sia stato possibile distribuire in piazza le tradizionali Uova di cioccolato, i volontari hanno continuato a lavorare accanto ai malati. Sono state attivate delle raccolte fondi digitali (#iosonoarischio - https://bit.ly/2xAupzD), e tanti aiuti sono arrivati, nelle varie località italiane, da altre associazioni e da privati cittadini.

Anche la Sezione provinciale di Taranto dell’Associazione ha ricevuto numerose attestazioni di solidarietà. L’ultima in ordine di tempo, arriva da Maria Vittoria Colapietro, sociologa, impegnata in ambito formativo e volontaria presso il Consultorio Familiare “Agostino Gemelli”, in via Temenide.

“Credo che fare rete, in questo frangente, sia l’unico modo per raccogliere le esigenze del territorio, affinché possano essere soddisfatte, attraverso l’unione degli intenti e delle possibilità”. Il terzo settore visto come un’unica grande forza, in altre parole. Maria Vittoria Colaprietro sottolinea l’importanza dei piccoli gesti. “Il mare è fatto di gocce”. Come persona impegnata in ambito sociale sente la necessità di rivolgere un appello a tutti, attraverso i canali AIL. 

“Ho parlato della mia idea con i referenti dell’Associazione e abbiamo deciso di lanciare una campagna in favore degli operatori AIL e di conseguenza dei loro pazienti - spiega Maria Vittoria”.

I dispositivi di protezione individuali sono necessari per la prosecuzione delle attività dei volontari, di quelle svolte in corsia e del servizio di assistenza domiciliare. Colapietro, con la direzione AIL lancia dunque l’appello: donate prodotti sanitari, come guanti e mascherine, oppure denaro (anche piccole cifre) utile all’acquisto dei dispositivi di protezione. 

Il materiale che si intende donare all’AIL può essere consegnato agli operatori dell’Associazione, presso la sede in Via Palmiro Togliatti 23/B.

Altrimenti si può contattare il numero 099 4533289, per chiedere informazioni sulle altre modalità per far arrivare il proprio sostegno alla Sezione provinciale. 

Le somme raccolte verranno impiegate per l’acquisto di dispositivi di protezione individuali, senza i quali non sarebbe possibile continuare ad assistere i pazienti ematologici. Donate, donate, donate!

Anche una sola confezione di guanti o una piccola fornitura di mascherine potranno, con altre donazioni, fare la differenza.

Facciamo rete, singoli e associazioni. Insieme ma distanti, in favore dei pazienti ematologici. L’AIL vi ringrazia sin d’ora per la vostra generosità!

 

Il Coronavirus al Moscati e il trasferimento del reparto di Ematologia

E-mail Stampa PDF

sello-urgente-rojo2L’emergenza Covid-19 ha travolto il sistema sanitario nazionale: da nord a sud gli ospedali hanno dovuto riorganizzare, adeguare, trasferire reparti per poter accogliere un numero sempre crescente di pazienti positivi al virus. 

È successo naturalmente anche a Taranto, dove l’ospedale oncologico “S. Giuseppe Moscati” è diventato la struttura di riferimento per i pazienti Covid di tutta la provincia. I reparti di Oncologia ed Ematologia del Moscati sono stati trasferiti presso strutture private, sia per far fronte all’emergenza, sia per tutelare i pazienti immunodepressi.

Come ha specificato una nota dell’ASL, si è preferito individuare due case di cura (Villa Verde, per i malati oncologici e D’Amore, per i pazienti ematologici) che non fossero troppo distanti dal Moscati, dove comunque sono rimaste “organizzazioni strutturali inamovibili”, quali la Radioterapia PET e il laboratorio di preparazione dei farmaci antiblastici. Le due strutture sono state scelte, si legge nella nota dell’Asl, perché adeguatamente attrezzate, rispetto alle esigenze dei pazienti di entrambi i reparti.

L’AIL Sezione locale, però, non concorda del tutto con questa scelta, poiché al momento, come ha dichiarato la presidente Patrizia Casarotti, anche ai microfoni di “Non è l’arena” - trasmissione La7, presso la D’Amore non ci sono camere sterili, né un’equipe di rianimazione dedicata ai pazienti ematologici. “C’è chi, affetto da leucemia, aspetta di fare il trapianto e, al momento, non sa quando sarà possibile sottoporsi all’intervento. Non si può pensare di mettere le malattie in attesa”.

Occorre anche fare un po' di chiarezza: conosciamo tutti le cause che hanno determinato, negli ultimi anni, disfunzioni e disagi, negli ospedali e negli ambulatori, e liste d’attesa chilometriche per l’accesso agli esami diagnostici.

A volte i pazienti con patologie importanti e anche meno importanti (non scriviamo nulla di nuovo), sono stati costretti a viaggi fuori regione, sopportando, con le loro famiglie, spese non indifferenti.

I tagli, effettuati negli anni, da parte del Ministero della Salute, il piano di riordino ospedaliero di qualche anno fa che ha chiuso reparti e Pronto Soccorso, in tutta la Puglia, non potevano non avere conseguenze. I cittadini ne facevano già le spese da tempo. La diffusione del contagio da Coronavirus ha esacerbato i problemi già esistenti, travolgendo qualsiasi comparto all’interno della Sanità. Ecco sotto gli occhi di tutti le situazioni, ora moltiplicate all’ennesima potenza, che quei tagli alla spesa hanno generato.

Ovunque in Italia, e ancor più al Sud. Certo sarebbe stato comunque complicatissimo gestire l’onda della pandemia, ma forse lo si sarebbe potuto fare con qualche mezzo in più e presumibilmente si sarebbero ammalati meno medici, meno persone. Ci sarebbero stati meno disagi per gli altri pazienti. Forse. Di sicuro, quando il Paese sarà fuori da questa drammatica fase, le istituzioni italiane dovranno ripensare l’intero sistema sanitario. E non solo quello. 

L’AIL nel frattempo, ben consapevole della necessità di far fronte all’emergenza Covid e solidale nei confronti delle persone che hanno contratto il virus e delle loro famiglie, confida che presto, anzi prestissimo (non c’è da perdere una sola ora), il quartiere operatorio della D’Amore abbia camere sterili o che si trovi una soluzione alternativa per tutti i pazienti ematologici con maggiori criticità, persone che aspettano di fare il trapianto e non solo loro. 

 

 

Mai interrompere le terapie, mai spezzare la solidarietà

E-mail Stampa PDF

CovidmondoIl Coronavirus ha stravolto la vita dei singoli e delle comunità, ovunque nel mondo, cambiando la demografia di alcuni territori, stravolgendo i rapporti umani, quasi annullandoli. Almeno nelle forme classiche. Gravi le conseguenze, anche per chi non si ammala di Covid-19, ma deve lottare contro altre patologie. 

I pazienti ematologici, per esempio, i dializzati e chiunque abbia una malattia cronica e si trovi nella necessità di seguire terapie specifiche. L’AIL chiede una mano a tutti noi che abbiamo dimostrato sempre grande generosità nei confronti delle persone colpite dalle malattie onco-ematologiche. 

Chiede ora più che mai la vostra “presenza”, il sostegno indispensabile a proseguire attraverso percorsi intrapresi dall’Associazione decine di anni fa; il supporto e la solidarietà di cui i pazienti e le loro famiglie hanno necessità, in un momento critico come questo. Quando le risorse vengono a mancare, quando è impossibile portare avanti le attività di raccolta fondi nelle piazze e negli altri spazi pubblici. 

L’annullamento della Campagna Uova di Pasqua AIL 2020 non deve significare la sospensione dei gesti di solidarietà. AIL prosegue sulla strada dell’impegno, pur tra mille difficoltà (come il complicato reperimento dei dispositivi di protezione personale per gli operatori); non interrompe le attività di assistenza a domicilio, né tutte le altre.

Perché i pazienti ematologici, come tante altre persone, sono sicuramente più fragili psicologicamente e, in molti casi, anche fisicamente. Sono più preoccupati di altri di contrarre l’infezione e molti di loro non si sentono sicuri, quando si recano in ospedale per le terapie. 

Tuttavia, le terapie non devono essere interrotte, sarebbe un grave errore farlo. E l’aiuto che l’AIL offre, in questo senso, è importantissimo. Non è una certezza scientifica, ma secondo alcuni studi effettuati sui dati relativi alle precedenti epidemie di Coronavirus Sars e Mers, sviluppatesi in Cina, non ci sarebbero evidenze che l’infezione da Covid-19 possa essere più grave nelle persone immunodepresse. Una lunga nota in proposito è stata pubblicata sul magazine della Fondazione Umberto Veronesi. Non ci sono conferme al momento su questo dato. Quindi è necessario fare la massima attenzione, sempre. Adottare le precauzioni (guanti, mascherine, disinfettanti per le mani, etc.) per non dover rinunciare alle terapie.

In ogni caso, l’ipotesi fa ben sperare, soprattutto le persone che al momento sono considerate più esposte ai rischi che l’aggravarsi della malattia da Coronavirus comporta. 

Il messaggio resta: i pazienti hanno, come sempre e più di sempre, bisogno del vostro aiuto. AIL fa tanto per loro, per noi, da 50 anni. Non abbandoniamo le cure e non abbandoniamo l’Associazione. Nella provincia di Taranto sono centinaia le persone assistite dai volontari AIL. Non lasciamole sole

Doniamo

Per informazioni sulle modalità, chiama il numero della Sezione provinciale AIL (099 4533289) oppure apri il seguente link https://bit.ly/2xAupzD. Si tratta di una campagna digitale guidata dall’hashtag #iosonoarischio. 

Per sostenere l’Associazione locale, nell’acquisto di mascherine, occhiali protettivi e altri dispositivi di protezione individuale, Mister Sorriso ha lanciato inoltre una raccolta fondi. Per aderire basta cliccare sul link https://www.gofundme.com/f/ioticuroacasa?utm_source=customer&utm_medium=copy_link-tip&utm_campaign=p_cp+share-sheet&fbclid=IwAR3Le2c1fmGleMXDWJDWvnUiTmLgHYltXdYccaoQGI77T1fvvJl8dgv3WOE.

Insieme ma distanti possiamo farcela, possiamo continuare ad essere solidali.

 
Pagina 9 di 49

Diventa donatore

Orario sede

Lunedì

09.00 - 13.00

Martedì

09.00 - 13.00

Mercoledì

09.00 - 13.00

Giovedì

09.00 - 13.00

Venerdì

09.00 - 13.00

Facebook FanBox