http://farmacia-senzaricetta.com/
CPanel

AIL sezione di Taranto

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size


Manifestazioni ed eventi

Donazioni sicure, solo con gli oggetti che hanno il logo AIL

E-mail Stampa PDF

bomboniere

La Sezione AIL di Taranto pubblicherà a breve un catalogo di prodotti e gadget ufficiali: gli unici attraverso i quali poter contribuire, in maniera trasparente, alle attività dell’associazione. 

La trasparenza è un valore che l’AIL ha abbracciato sin dalla sua fondazione, nel 1969. Trasparenti sono i suoi obiettivi; chiare le sue procedure; così come lo sono le relazioni che i volontari instaurano con il personale medico-infermieristico dei Centri ematologici italiani, presso i quali l’AIL assiste i pazienti. 

Allo stesso modo, sono trasparenti tutte le operazioni che vengono messe in atto, da ciascuna delle Sezioni provinciali, in occasione delle diverse raccolte fondi che si tengono durante l’anno. Il donatore è informato sulle finalità di quelle campagne ed è felice di offrire il proprio sostegno, finanziando, con piccoli e grandi contributi, la ricerca scientifica; la gestione delle Case AIL; le cure domiciliari delle quali, per Taranto e la sua provincia, è responsabile un’equipe multidisciplinare. Allo stesso modo le donazioni servono ad alimentare le attività di assistenza svolte presso il reparto di Ematologia dell’ospedale “S.G. Moscati”. 

Nonostante ciò, considerato il numero piuttosto elevato di richieste d’aiuto e di associazioni che operano attraverso il fund raising, è legittimo che il donatore possa nutrire dei dubbi sull’onestà delle operazioni di beneficenza cui partecipa. 

Per aiutare i cittadini ad orientarsi nella giungla delle proposte solidali che arrivano da tutte le direzioni, la Sezione provinciale AIL ha deciso di realizzare, come già sottolineato, un catalogo con gli oggetti che recano l’etichetta AIL, i soli prodotti ufficialmente riconosciuti come strumenti delle raccolte fondi. 

Sono i gadget già presenti sul sito nazionale AIL, più oggetti che generalmente la sezione locale distribuisce in occasione di ricorrenze particolari o anche durante l’anno, a chi ne fa richiesta. Un oggetto (può trattarsi, per fare un esempio, di un bracciale Cruciani) è un veicolo importantissimo di solidarietà; ma per essere certi che la donazione arrivi nelle casse dell’AIL e attraverso l’associazione ai vari progetti in corso e ai centri di ricerca, sparsi in Italia e nel mondo, occorre fare attenzione alla sede alla quale ci si rivolge, per donare, e al logo che compare sugli stessi gadget. 

L’unica sede AIL a Taranto è in via Palmiro Togliatti, 23/B; il numero di telefono da comporre per informazioni di qualsiasi genere è il seguente: 099 4533298.

L’Associazione contro leucemie linfomi e mieloma è presente, con i suoi banchetti, presso le piazze di Taranto e provincia, in occasione delle grandi campagne di raccolta fondi, le stesse supportate da una puntuale attività comunicativa e pubblicitaria, diffusa da radio, tv e social. 

L’AIL locale inoltre collabora con alcune associazioni del terzo settore e partecipa ad eventi culturali del territorio, non facendo mai mancare, in quelle circostanze, il proprio stand informativo con i gadget e gli oggetti della solidarietà. 

Vi invitiamo dunque a tenere gli occhi aperti, per non incappare in frodi. Le donazioni devono essere erogate solo a fronte di acquisto di materiale ufficiale AIL, quello con il logo, lo sottolineiamo ancora una volta; mentre i versamenti in denaro devono essere associati al rilascio contestuale di una ricevuta da parte dell’associazione.

Esistono tanti modi per far arrivare il proprio contributo all’AIL, in tutta sicurezza. Ne parleremo ancora, nei prossimi articoli.   

 

 

I numeri del volontariato e l’impegno AIL

E-mail Stampa PDF

volontariato

I volontari in Italia sono circa sei milioni. A rivelarlo è l’Istituto Nazionale di Statistica (Istat). Si tratta di persone impegnate in ambiti diversi, che dedicano parte del loro tempo agli altri, in maniera continuativa.

La grande risorsa nascosta di questo paese è rappresentata dunque da un esercito silenzioso di persone. Non solo adulti, ma anche giovanissimi, secondo i dati diffusi dall’Associazione dei centri di servizio per il volontariato.

Sono molti gli studenti che scelgono di diventare cittadini attivi: soltanto lo scorso anno - come riporta una bella inchiesta del Corriere della Sera - sono stati realizzati, in classe e sul campo, ben 219 progetti ispirati a principi di solidarietà. 

Sempre secondo le statistiche, sono 126.000.000 le ore che i volontari spendono nell’arco di un mese, in favore degli altri.

Ci si pone inevitabilmente una domanda: cosa sarebbe questo paese senza il volontariato e il supporto che offre alle istituzioni? In occasione della cerimonia inaugurale di Padova “Capitale europea del Volontariato” 2020, il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha definito questo slancio verso il prossimo indispensabile.

“Un patrimonio generato dalla comunità, che si riverbera sulla qualità delle nostre vite, a partire da coloro che si trovano in condizioni di bisogno o faticano a superare ostacoli che si frappongono all’esercizio dei loro diritti”. 

I volontari rappresentano il nucleo vitale di numerose associazioni, la colonna vertebrale di progetti importantissimi, alcuni dei quali legati alla ricerca scientifica e all’assistenza ai pazienti, negli ospedali e a domicilio. È il caso dell’AIL. L’associazione nata per volontà del compianto professor Franco Mandelli, grande ematologo e filantropo, può contare su una rete di oltre ventimila volontari che operano nelle 81 Sezioni provinciali, accanto ai principali Centri Ematologici italiani. 

La Sezione provinciale di Taranto raccoglie ogni anno un numero sempre maggiore di persone interessate a realizzare i vari progetti dell’AIL, a livello locale e nazionale. 

A muovere le attività che l’associazione porta avanti, in favore dei pazienti ematologici del territorio, da venticinque anni a questa parte, sentimenti di generosità e tanta capacità empatica. Una scelta individuale, quella che porta a spendersi per chi soffre, con riflessi importanti sulla comunità.

E se il volontariato fa bene alla salute di chi ne è destinatario è anche vero che esso, come avvalorato da numerosi studi scientifici, giova a chi ne diventa alfiere, aiutando gli altri. Scegli di essere un volontario AIL, sarai parte di una grande energia positiva.

Per avere informazioni puoi venire a trovarci in sede, in via Palmiro Togliatti n. 23/B oppure puoi telefonare allo 099 4533298. 

 

 

Torna lo sportello psicologico AIL

E-mail Stampa PDF

banner-principale-nemero-verde-2019

Padova è la Capitale europea del Volontariato 2020. Un modo per trasformare la città e tutto il Paese in un grande laboratorio dell’impegno civile, per lanciare idee, promuovere progetti che possano coinvolgere persone in una serie di attività in favore del prossimo; creare modelli e replicarli. 

L’AIL ha creato, nei suoi cinquant’anni di attività, prassi che si sono rapidamente consolidate nel tempo, dando vita ad una rete di solidarietà che si è allargata, anno dopo anno, fino a comprendere tutto il territorio nazionale. A Taranto la Sezione locale ha tagliato, la scorsa estate, il traguardo dei 25 anni. 

Un quarto di secolo sempre al fianco dei pazienti ematologici; ricco di esperienze diverse, che hanno coinvolto via via un numero sempre maggiore di volontari. Oggi le attività dell’AIL sul territorio sono tante: un’equipe multidisciplinare si occupa dell’assistenza domiciliare; un nutrito gruppo di volontari segue i pazienti in corsia, presso l’ospedale Moscati e altre persone dedicano il proprio tempo, cioè quanto di più prezioso hanno, agli ospiti di Casa Ail, che accoglie i pazienti fuori sede e le loro famiglie. 

Sono in cantiere dei nuovi progetti, lo abbiamo più volte sottolineato, tra i quali quello del PICC a domicilio. E la ricerca scientifica è sempre in primo piano, con AIL. 

Domani inoltre, torna il numero verde dello Sportello psicologico. Si può chiamare l’800.226524, per esprimere le ansie e le paure legate all’esperienza della malattia. Un’iniziativa che l’associazione porta avanti da anni, per sostenere e offrire un ascolto a chi si trova a dover affrontare un periodo così complicato come quello che la patologia ematologica impone.

L’AIL mette a disposizione di pazienti e caregiver questo servizio telefonico, attivo dalle 14 alle 17, ogni secondo mercoledì del mese. 

Domani 12 febbraio è possibile cogliere tale opportunità e parlare con la dottoressa Flora Gigli, psicologa clinica, psicoterapeuta e psiconcologa. Anche poche parole scambiate con la dottoressa possono aiutare a trovare la chiave giusta per affrontare una tappa difficile del percorso, un momento che sembra più complicato degli altri, o anche solo per trovare il coraggio di chiedere aiuto ad un professionista, magari scegliendo la persona “giusta” nella città in cui si risiede.

Mercoledì 19 febbraio, invece, sarà attivo il Numero Verde AIL problemi Ematologici. Sempre nella fascia oraria compresa tra le 14 e le 17 un ematologo risponde alle vostre domande per fornire informazioni sulle malattie, sui centri di cura e sui servizi che l’associazione svolge.

AIL è sempre al fianco dei pazienti e delle loro famiglie, sostenendo l’associazione, darete una mano a loro. 

 

Il volontariato fa bene alla salute

E-mail Stampa PDF

Banner AIL volontari V1

Dedicarsi agli altri fa bene alla salute; lo testimoniano numerose ricerche scientifiche.

Il volontariato tiene lontane patologie come la depressione e stimola la produzione di sostanze che riducono il rischio di ipertensione arteriosa. Compassione e gentilezza hanno delle ricadute importanti sull’esistenza di chi esprime tali sentimenti, attraverso attività rivolte al prossimo. Secondo gli studi condotti da David Richardson, ricercatore dell’Università del Wisconsin, i sentimenti “egoistici” hanno effetti benefici sulla salute molto meno duraturi di quelli che ci procuriamo quando diamo una mano agli altri. Ci emozioniamo per e con gli altri e questo conta più di tutto il resto. 

Suzanne Richards, dell’Università inglese di Exeter ha raccolto i risultati di una serie di ricerche sul tema, per confrontare i dati e trarre delle conclusioni. Anche il suo lavoro ha evidenziato che il volontariato fa bene all’umore e contribuisce alla salute mentale di chi lo fa, come anche alla forma fisica. Richiede infatti capacità di adattamento a situazioni diverse e non poco movimento. 

Eppure, in Italia il numero dei volontari non è così poi così alto: un sondaggio Doxa attesta che solo il 7% della popolazione svolge con costanza attività in favore degli altri. C’è addirittura chi guarda con sospetto le manifestazioni di generosità, nella convinzione che nascondano cattiva coscienza e ipocrisia. Nel mondo, invece, stando ai sondaggi effettuati dagli istituti di ricerca Doxa e Win (rete internazionale di società che si occupano di ricerche di mercato), una persona su quattro dedicherebbe il proprio tempo al bene altrui. 

Secondo questa classifica della generosità, i paesi in testa sarebbero il Paraguay e la Cina, seguiti da Australia, Sudafrica, India e dagli Stati Uniti D’America. Tassi piuttosto bassi di volontariato riguarderebbero invece la Corea del Sud e, come già evidenziato, l’Italia, ma anche l’Indonesia e il Giappone. 

Il nostro paese, dunque, ha bisogno di incrementare la percentuale delle persone dedite al volontariato. Le occasioni non mancano, naturalmente in nessun luogo del mondo, soprattutto in una fase storica complessa come quella attuale. Esistono delle piattaforme on line, per chi desidera avvicinarsi al mondo del volontariato, che consentono con un’iscrizione gratuita, di scegliere tra le tante associazioni in elenco, quella che si desidera sostenere.

A Taranto un microcosmo fatto di persone che si spendono quotidianamente per gli altri, negli ambiti più diversi, esprime una bella energia.

L’AIL Sezione provinciale fa parte di questa galassia di associazioni ed è al fianco dei pazienti ematologici e delle loro famiglie, ogni giorno. Al tempo stesso sostiene la ricerca scientifica.

Se vuoi far parte di questa grande famiglia, chiamaci (099 4533289) o vieni a trovarci in sede (Via Palmiro Togliatti, 23/B). Ti aspettiamo!

 

 
Pagina 10 di 46

Diventa donatore

Orario sede

Lunedì

09.00 - 13.00

Martedì

09.00 - 13.00

Mercoledì

09.00 - 13.00

Giovedì

09.00 - 13.00

Venerdì

09.00 - 13.00

Facebook FanBox