http://farmacia-senzaricetta.com/
CPanel

AIL sezione di Taranto

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size


Manifestazioni ed eventi

I ricercatori scientifici insieme contro le malattie

E-mail Stampa PDF

donaora2020

I ricercatori scientifici lavorano in sinergia e, in questa particolare fase storica, chi è impegnato in ambito onco-ematologico intreccia, a volte, il proprio percorso con quello degli scienziati che corrono contro il tempo, alla ricerca delle cure per il Covid-19 e di un vaccino.

Alcune delle cure somministrate da anni ai pazienti oncologici potrebbero essere utili, in dosi e combinazioni diverse, anche negli ospedali destinati al trattamento dei pazienti affetti da Covid-19. Il mondo intero è in un momento di estrema difficoltà; i ricercatori lavorano alacremente e, in qualche caso, con mezzi sottodimensionati rispetto alla portata del problema. 

Ma quel che emerge ovunque è la cooperazione, come unica arma contro le patologie. Che si tratti di coronavirus o malattie ematologiche non cambia. 

L’AIL favorisce la ricerca, quotidianamente, attraverso le sue campagne di raccolta fondi. Anche se è difficile portarle avanti, con la frequenza di sempre, considerate le attuali limitazioni fisiche, i volontari mettono a disposizione il loro tempo, ora più di prima, perché i valori della solidarietà e della donazione facciano la differenza. 

Sarebbe un guaio, non solo per i pazienti colpiti dalle malattie del sangue, ma anche per tutti gli altri, se così non fosse. Non ci sono distinzioni tra malati, per i medici e anche per AIL i pazienti sono tutti uguali. Nel senso che i volontari offrono la loro assistenza con lo stesso impegno e con lo stesso amore a tutte le persone che seguono. A Taranto e provincia, da ben 25 anni. 

Il punto di forza dell’attività della Sezione provinciale è l’assistenza domiciliare, garantita in questo momento ad oltre cento famiglie. Il coronavirus ha reso tutto più complicato, ma non ferma l’associazione. Gli interventi dell’equipe multidisciplinare vengono fatti nella massima sicurezza, gli operatori indossano i dispositivi di protezione individuale e seguono i pazienti e le loro famiglie anche telefonicamente.

Nel periodo pasquale l’AIL di Taranto ha potuto contare su diverse donazioni. Contributi piccoli e grandi che sono la forza dell’associazione. Permettono ai volontari di continuare a svolgere le attività in un momento in cui c’è bisogno di maggiori risorse economiche (anche soltanto per l’acquisto di camici, mascherine e altro materiale). Le vostre, le nostre donazioni sono l’anima delle attività AIL.

Sono fondamentali, sia per alimentare la ricerca scientifica, sia per garantire ai pazienti le cure e l’assistenza che da sempre l’associazione offre loro.

Non dimentichiamoci di donare! Facciamolo per noi. 

 

Anche Roche al fianco dell’AIL di Taranto

E-mail Stampa PDF

grazie-672368.660x368Le case farmaceutiche Roche e Celgene hanno devoluto un contributo economico in favore delle sezioni AIL che operano, in particolare, all’interno dei centri di onco-ematologia pediatrica. Nell’ambito della campagna #iosonoarischio e dell’iniziativa “Uovo sospeso”, ciascuna delle sezioni che hanno accettato la donazione ha ricevuto una somma pari a 1000 euro. Denaro che è servito a distribuire gratuitamente 85 uova di Pasqua AIL ai pazienti assistiti, nel caso di Taranto, dalla Sezione provinciale dell’associazione e al personale sanitario impegnato nel reparto di Ematologia, attualmente presso la Casa di cura D’amore. Personale e pazienti sono quotidianamente messi a dura prova dall’emergenza sanitaria in corso e ricevere questo piccolo grande segno di solidarietà ha significato molto per loro. 

A Taranto le uova di cioccolato sono state distribuite presso il reparto, il Day Hospital (DH) e l’ambulatorio di Ematologia. 

La presidente della Sezione provinciale, Patrizia Casarotti, i professionisti della medicina e i volontari che collaborano con l’AIL hanno salutato con favore questa iniziativa, realizzata con il supporto non condizionato di Roche; le uova sono state distribuite, lo ripetiamo, non solo tra i pazienti, ma consegnate anche al personale sanitario. Sotto pressione come non mai, in un momento storico come questo, fase che tutte le strutture ospedaliere e la medicina territoriale stanno attraversando. 

AIL ringrazia tutti coloro i quali rendono possibile ogni giorno lo svolgimento, nonostante le difficoltà attuali, delle attività di assistenza ai pazienti. 

Di solidarietà ne è arrivata tanta, nei giorni scorsi: in quelli che hanno preceduto la Pasqua e nei momenti immediatamente successivi. l’AIL di Taranto continua a registrare gesti importanti, senza i quali non potrebbe portare avanti, soprattutto in tempi di Covid-19, la sua missione. 

In questi giorni, lo sforzo nell’assistere i pazienti si è “moltiplicato” e vederli sorridere, come durante la consegna delle uova di cioccolato AIL offerte con il supporto non condizionato di Roche, ripaga i tanti sacrifici. Ma il risultato che più di altri l’associazione si attende, per il quale lavora da 25 anni a Taranto, da 50 in Italia, è la guarigione del maggior numero di pazienti. E in questo senso, la ricerca è l’unica via percorribile. Sostenendo l’AIL si sostiene anche la ricerca scientifica sulle malattie ematologiche, e si apre la strada ad un numero sempre più alto di guarigioni. Non dimentichiamolo mai!

 

Raccolta Fondi Aprile e Numero Verde Covid-19

E-mail Stampa PDF

numero verde ail

Le Uova di Pasqua AIL 2020 distribuite a domicilio, in tutte le località della provincia di Taranto, hanno contribuito a sostenere l’associazione in questo momento difficile. Pieno di criticità per tutti, ancora più complicato per le persone che devono convivere con delle fragilità, per i pazienti ematologici e per chiunque affronti una malattia. 

Il Covid-19 non è riuscito tuttavia a mettere in crisi la grande famiglia AIL, che ovunque in Italia continua ad assistere i malati. L’AIL ha sempre bisogno del nostro aiuto, quindi non dimentichiamo che è ancora possibile offrire un contributo, anche piccolo, attraverso le raccolte fondi digitali. Occasioni speciali create per evitare che l’emergenza sanitaria compromettesse servizi fondamentali di cui i pazienti onco-ematologici usufruiscono grazie all’AIL. Il Coronavirus obbliga i pazienti a restare in casa, e la continuità delle cure offerte dall’AIL deve essere assicurata, ora più che mai.

C’è ancora tempo fino al 30 aprile per aderire alla campagna on line #iosonoarischio, attraverso MyCrowd, che è il portale di crowdfunding dell’associazione. 

Ad oggi l’AIL ha registrato, grazie a quella piattaforma, 1330 donazioni, per un totale di quasi 64 mila euro raccolti. L’obiettivo è arrivare a 70 mila. Basta aprire il seguente link: https://mycrowd.ail.it/dona/?slug=ail-emergenza-covid-19, per sostenere chi soffre. 

Ancora 15 giorni di tempo per esprimere la propria solidarietà attraverso questa importantissima iniziativa targata AIL.

Siate al fianco dei volontari AIL; solo così potranno continuare a dare una mano ai pazienti ematologici.

Non solo: AIL ha attivato un Numero Verde d’Emergenza Covid-19, per raccogliere le preoccupazioni di chi ha bisogno di informazioni e rassicurazioni sulla gestione delle patologie, anche a livello psicologico, durante l’emergenza Coronavirus.

Sono tantissimi i pazienti e i familiari nel dubbio se proseguire con i controlli e le terapie oppure rinviare tutto, per il timore di recarsi in ospedale. I nosocomi sono ormai percepiti come possibili luoghi di contagio da Covid.

In realtà, sono attrezzati ad assistere tutti i pazienti, non potrebbe essere diversamente; le terapie, lo ribadiamo, non possono essere interrotte. In ogni caso, il Numero Verde AIL 800 226524 sarà attivo per tutto il mese di aprile, dal lunedì al venerdì, dalle 15 alle 17, per rispondere ai dubbi e alle domande di tutti, per orientare i pazienti, le loro famiglie, per confortarli.

La telefonata è gratuita; il lunedì, il martedì, il giovedì e il venerdì è possibile dialogare con un medico ematologo; ogni mercoledì (15, 22 e 29 aprile), a rispondere alle chiamate sarà uno psico-oncologo.

E se il telefono non bastasse, AIL ha attivato un altro canale informativo: una sezione dedicata del sito nazionale (https://www.ail.it/area-pazienti/covid-19-e-pazienti-ematologici), con le domande e le risposte più frequenti. L’AIL è con voi, sempre. Continuate a donare.   

 

 

Dalla Misericordia di Crispiano al reparto di Pediatria del SS. Annunziata, tanta la solidarietà

E-mail Stampa PDF

SS Annunziata 8APR AIL

Gli operatori AIL raccolgono tantissime richieste, in ogni località della provincia di Taranto, relative alle Uova di Pasqua AIL. Simboli della solidarietà che quest’anno è possibile ordinare e farsi recapitare a casa, chiamando i numeri di telefono indicati nel precedente articolo e sulla pagina Facebook dell’Associazione. 

Assicurarsi un Uovo di cioccolato, in cambio di un modesto contributo, è un modo per essere vicini ai pazienti onco-ematologici, ancora più fragili in un momento come quello che il mondo intero sta attraversando. La Campagna Uova AIL 2020 non si è fermata, anche se ha dovuto rinunciare ai banchetti nelle piazze d’Italia; ha cambiato semplicemente forma.  

La sostanza resta: più uova ordinate, più grande è il contributo che arriva alla ricerca scientifica, più forti diventano le attività che l’AIL svolge in favore dei pazienti ematologici e delle loro famiglie, nelle corsie degli ospedali e a domicilio. 

La Sezione locale dell’AIL di Taranto sente di voler fare un ringraziamento speciale, indirizzandolo questa volta ai volontari della Misericordia di Crispiano.

In particolare, desidera esprimere gratitudine a Massimo Vinci, Mirko Lecce e a Nunzio Caforio. Sono in tanti ad ordinare le Uova AIL e, spesso, gli operatori dell’Associazione di Crispiano si trovano in difficoltà con le consegne. In loro soccorso arrivano i volontari della Misericordia che, nel recapitare i medicinali a domicilio, allungano i loro itinerari e portano a casa di chi ne fa richiesta anche le Uova AIL. E nel farlo sono anche velocissimi. Un grande gesto nei confronti dell’Associazione e un grande servizio per la comunità tutta. L’AIL saprà ricompensarli per la loro passione, per il tempo prezioso che dedicano a quest’attività. 

Un altro gesto importante che ci piace sottolineare riguarda l’ospedale SS. Annunziata, in particolare il reparto di Pediatria. Le stanze dove i piccoli sono ricoverati sono state invase, un paio di giorni fa, dal fruscio e dai colori della carta delle UOVA AIL.

Autrice della donazione la signora Lucia Dell’Aquila, la quale ha fatto avere le uova di cioccolato ai bambini, anche grazie alla complicità di Loredana Fusillo, volontaria della Protezione Civile.

È stata una grande emozione per tutti i presenti, soprattutto per i bimbi ospiti del reparto. AIL non si stancherà mai di ringraziare le tante persone, che attraverso gesti come questo, attraverso attività di volontariato, riescono a regalare un momento di gioia ai pazienti, adulti e bambini. 

 

 
Pagina 10 di 51

Diventa donatore

Orario sede

Lunedì

09.00 - 13.00

Martedì

09.00 - 13.00

Mercoledì

09.00 - 13.00

Giovedì

09.00 - 13.00

Venerdì

09.00 - 13.00

Facebook FanBox