http://farmacia-senzaricetta.com/
CPanel

AIL sezione di Taranto

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size


Manifestazioni ed eventi

Il 25esimo anniversario AIL Taranto. Più di mille euro raccolti con il Gran Galà musicale.

E-mail Stampa PDF

Intervista con Patrizia Casarotti, presidente sezione provinciale

66178796 3070796739599010 4117164278534897664 o

In occasione del 25esimo anniversario AIL - sezione locale, avete organizzato per il 28 e il 29 giugno, lo ricordiamo, un importante convegno e una serata di Gala al Fusco. Un commento sulle due giornate. Che tipo di riscontro avete raccolto da parte dei cittadini?

Mi è dispiaciuto constatare la scarsa partecipazione dei cittadini tarantini e delle associazioni che erano state invitate. Le uniche ad aver partecipato, con grande entusiasmo, sono le associazioni Avis di Taranto, Mister sorriso e Pierangelo Capuzzimati Onlus. Inoltre sono intervenute diverse sezioni AIL giunte da altre province e altre regioni, tra cui AIL BAT, AIL Matera, AIL Aquila, AIL Siracusa, AIL Reggio Calabria, AIL Parma e AIL Nazionale. Quanto alle istituzioni del territorio, hanno partecipato la Confcommercio e il Comune di Taranto, con la presenza del presidente del Consiglio Lucio Lonoce, e dell’Assessore alla Pubblica Istruzione e Affari generali, Deborah Cinquepalmi.

Che tipo di interesse è stato espresso, in occasione del convegno “La nuova frontiera della medicina - Prendersi cura a domicilio” verso i progetti relativi al PICC e al corso per Care Giver? Le istituzioni hanno manifestato la volontà di sostenerli, magari anche materialmente?

Per il progetto relativo all’inserimento del PICC a domicilio, l'associazione Mister Sorriso ha espresso l'intenzione di sostenerci, acquistando un ecografo, strumento indispensabile per il corretto posizionamento, nel braccio, del catetere venoso. Per quanto riguarda il corso per Care Giver, abbiamo registrato il grande interesse del centro di riabilitazione di Laterza OSMAIRM.

Il dottor Patrizio Mazza, Primario del reparto di Ematologia dell’ospedale G. Moscati di Taranto, è intervenuto al convegno. Su quali aspetti si è soffermato?

Il Dott. Mazza si è soffermato sull'utilità di curare a casa i pazienti ematologici immunodepressi, soprattutto per il ruolo che le cure a domicilio rivestono nello scongiurare il rischio di infezioni o comunque nel ridurre le probabilità che il paziente possa contrarle, nello specifico quelle cui è generalmente esposto in una struttura ospedaliera.

La partecipazione del presidente Amadori è un segnale forte da parte dell'associazione nazionale, non solo un atto formale. Quanto è importante per voi l'interazione con le altre sezioni e in che modo si esprimono queste sinergie?

E’ importante l'interazione con le altre associazioni e con le altre sezioni AIL perché è un modo per confrontarsi su tutti gli aspetti relativi alle cure domiciliari offerte ai pazienti, ponendosi degli obiettivi comuni.

Il Gran Galà musicale è stato organizzato soprattutto allo scopo di raccogliere fondi, oltre che per celebrare i 25 anni di attività sul territorio. Si può quantificare il risultato della raccolta?

Abbiamo raccolto più di mille euro. Ha reso speciale la serata la testimonianza di un nostro volontario ed ex paziente dell'Ospedale G. Moscati, Pierfrancesco Galati, il quale ha raccontato la sua personale esperienza della malattia. L'intera manifestazione è stata dedicata a Francesco Vaccaro, cittadino Tarantino deceduto un mese fa, dopo una lunga malattia e a tutti gli angeli di Taranto e della sua provincia che hanno perso la loro giovane vita, nella lotta contro la malattia.

 

 

Il Presidente Mattarella: il Professor Mandelli è stato un maestro

E-mail Stampa PDF

PDR 2149In occasione dei 50 anni AIL, ricevuta al Quirinale una delegazione dell’Associazione 

Quest’anno l’Associazione Italiana contro le leucemie, linfomi e mieloma ha compiuto 50 anni, ricorrenza importante cui se n’è affiancata un’altra, non meno significativa: i 25 anni di attività della sezione provinciale AIL di Taranto. Entrambi gli anniversari sono stati celebrati con iniziative di vario genere, organizzate a livello nazionale e locale. 

A Taranto l’appello alla solidarietà, lanciato attraverso un Convegno e una Serata di Gala, è stato raccolto da quanti, numerosi, hanno partecipato agli eventi organizzati e promossi dalla direzione locale AIL. Non solo a scopo celebrativo ma anche per sensibilizzare, ancora una volta, la cittadinanza, sull’importanza di offrire un contributo alla lotta contro le malattie del sangue. 

A livello nazionale, in occasione del 50esimo anno di attività dell’Associazione, una sua nutrita delegazione è stata ricevuta, lo scorso 21 giugno, dal Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. 

L’incontro ha rappresentato un momento di grande espressione civica, un’occasione che il presidente AIL Sergio Amadori ha colto, per tracciare un rapido bilancio degli innumerevoli traguardi raggiunti finora dall’associazione, negli ambiti più diversi, attraverso le sue 81 sezioni, presenti in tutta Italia. Non sono mancate testimonianze particolarmente toccanti da parte di volontari, ricercatori e di chi ha dovuto viaggiare attraverso l’esperienza della malattia. 

Il presidente Amadori ha tenuto a sottolineare i principi cardine della missione AIL: sostenere la ricerca attraverso articolate campagne di raccolta fondi e sensibilizzare l’opinione pubblica sulle malattie ematologiche.

Nel corso della cerimonia, si è sottolineato anche il valore delle borse di studio finanziate dall’AIL, strumento che consente a molti ricercatori, anche neolaureati, di accedere ai laboratori, di mettere alla prova le proprie capacità, nel campo della sperimentazione. Studi che conducono ad una condizione di maggiore probabilità di guarigione per un numero sempre crescente di pazienti. Risultato che “contribuisce alla libertà degli uomini”. 

“La nostra è una bella casa”, ha dichiarato con orgoglio e commozione una volontaria che dedica molto del suo tempo ai residenti in una casa alloggio AIL: tanta solidarietà e tanti sorrisi, nonostante le prove difficili da affrontare quotidianamente. 

Con il suo intervento, il Presidente Mattarella ha inteso ringraziare l’AIL, i suoi medici, i suoi volontari e i ricercatori, ma ha voluto anche ricordare con affetto, il Professor Franco Mandelli.   

La strada di speranza che l’AIL indica ai malati ematologici è la stessa che Mandelli ha costruito negli anni della sua preziosa attività.

“La Repubblica gli deve molto - ha dichiarato Mattarella - ci ha lasciati meno di un anno fa, oggi ci manca la sua presenza, ma non il suo insegnamento. Ho avuto occasione di conoscerlo e frequentarlo. In lui spiccavano doti preziose, come una grande serietà di impegno ed una carica di umanità sempre accompagnate da ottimismo e speranza. Era un maestro nel fornire indicazioni alla scienza e nella capacità di informare la pubblica opinione. Questi 50 anni sono l’espressione dell’impegno di uno scienziato che ha sempre posto al centro di ogni sua azione, la persona. Aveva una grande capacità nel dialogare con i pazienti e con i familiari. La Fondazione Gimema è un pilastro della ricerca nel nostro Paese e l’Ail è una testimonianza di come si possano convogliare al meglio tante energie positive di generosa dedizione, di tante persone”.

 

 

AIL Taranto celebra i suoi 25 anni di attività con un Convegno e una Serata di Gala

E-mail Stampa PDF

locandina sitoVenerdì 28 in Provincia e Sabato 29 giugno al Teatro Fusco

L’AIL sezione locale compie i suoi primi 25 anni di attività e celebra l’importante traguardo con un Convegno e una Serata di Gala. 

Domani (venerdì 28 giugno) prende avvio l’evento dal titolo “La Nuova Frontiera della Medicina - Prendersi cura a domicilio”, cui partecipano, tra gli altri, il presidente nazionale AIL Sergio Amadori, la presidente della sezione provinciale Patrizia Casarotti e il Primario del reparto di Ematologia dell’Ospedale San Giuseppe Moscati, Patrizio Mazza. Il programma completo della giornata e l’elenco degli interventi sono visibili sulla locandina che accompagna l’articolo.

L’incontro, ad ingresso libero, si tiene presso il SALONE di RAPPRESENTANZA della PROVINCIA, tra le 9 e le 13, al mattino e nel pomeriggio, dalle 15 alle 18. 

Gli interventi in programma tracceranno una sorta di bilancio di questi primi 25 anni di attività sul territorio provinciale, un lavoro possibile grazie all’impegno dei numerosi volontari e alle donazioni dei cittadini. Previsto, durante la mattinata, un illuminante focus sulle cure a domicilio. L’AIL provinciale è una delle 42 sezioni sul totale delle 81 presenti in Italia ad offrire questo servizio.

Nella seconda parte del convegno i relatori presenteranno i progetti ai quali l’associazione sta attualmente lavorando, sostenuta anche da associazioni, aziende e privati cittadini.

Tra gli altri, un corso di formazione per Care Giver e la possibilità di applicare il PICC (catetere venoso per la somministrazione delle cure), direttamente a casa del paziente. 

Le celebrazioni di questo anniversario si concludono sabato 29 giugno, con una serata di gala in programma al TEATRO FUSCO, riaperto alla fine dello scorso anno, dopo 14 anni di inattività. 

Il Gran Galà Musicale che, al pari del Convegno, ha ricevuto il patrocinio del Comune di Taranto e della Regione Puglia, è stato organizzato dall’AIL, con la collaborazione dell’OSMAIRM, dell’associazione Mister Sorriso e di T’Arredo Srl. 

A Mauro Pulpito il compito di condurre una serata che si apre alle 20 e vedrà avvicendarsi sul palco diversi artisti: Mario Rosini, secondo posto al Festival di Sanremo nel 2004, il noto cantautore Mimmo Cavallo, Graziano Galatone, cantante e attore teatrale, la chitarrista tarantina Palma Cosa, il comico lucano Dino Paradiso, noto per le sue partecipazioni alla trasmissione Colorado, e i Terraross Suonatori e Menestrelli della Bassa Murgia. 

Tutte le esibizioni saranno accompagnate dall’Orchestra della Magna Grecia di Taranto. Saranno inoltre proiettati contributi video di altri artisti, tra i quali Mariella Nava e Renzo Rubino.

Ad impreziosire una serata già ricca, anche uno spettacolo di body painting live. Una modella di Itaca, l’associazione che ha curato i murales presso l’ospedale Moscati, farà da “tela” per questo momento d’arte. 

Per partecipare al Galà, basta telefonare allo 099 4533289 oppure scrivere all’indirizzo  Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Con un contributo di solidarietà di soli 10 euro si dà una mano a chi soffre e si partecipa ad una serata in musica, nella cornice del rinato TEATRO FUSCO. I fondi raccolti saranno impiegati dall’associazione nelle diverse attività rivolte ai pazienti ematologici e nella ricerca scientifica. Non mancate! 

 

 

I 25 anni di Ail a Taranto. Il “picc a domicilio” tra i nuovi progetti dell’associazione

E-mail Stampa PDF

locandina sitoIl prossimo fine settimana, la sezione locale Ail celebra i suoi 25 anni di attività sul territorio, con una serie di importanti iniziative. 

La presentazione di questi eventi si tiene attraverso una conferenza stampa in programma domani, 26 giugno, alle 9.30, presso l’ambulatorio del reparto di Ematologia dell’Ospedale San Giuseppe Moscati di Taranto. Intervengono la presidente Ail Patrizia Casarotti, il direttore sanitario Mariano Bruni e il primario del reparto di Ematologia Patrizio Mazza. 

L’Ail jonica è una delle sezioni più attive tra quelle presenti su tutto il territorio nazionale. Importantissimo, tra gli altri, il suo impegno per l’assistenza domiciliare ai pazienti.

Per venerdì 28 giugno e per la giornata successiva, sabato 29, Ail Taranto ha organizzato un convegno (precisamente nella mattinata e nel pomeriggio di venerdì) e una “serata di sensibilizzazione” (sabato 29), attraverso l’arte, la musica in particolare, che sarà ospitata dal teatro Fusco

L’accesso al convegno dal titolo “La nuova frontiera della medicina - Prendersi cura a domicilio”, presso il Salone di Rappresentanza della Provincia, è libero.

Chi volesse invece prendere parte alla serata in programma al Fusco, potrà farlo contattando l’associazione al numero 099 4533289, oppure scrivendo all’indirizzo Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. . Con un piccolo contributo si darà una mano a di chi soffre e ci si regalerà una serata di spensieratezza, senza dimenticare la solidarietà.

Il convegno di venerdì, cui prenderà parte anche il presidente nazionale Ail, Sergio Amadori, rappresenta l’occasione per fare una sorta di bilancio di questi primi 25 anni di attività dell’associazione e offre alla presidente e ai responsabili Ail l’opportunità di presentare i progetti in cantiere.

Di questi, uno riguarda la possibilità per i medici dell’associazione di applicare il PICC ai pazienti onco-ematologici, direttamente a casa loro. 

Il PICC, acronimo di “Peripherally Inserted Central Catheter”, è un dispositivo inserito perifericamente all’altezza del braccio, con l’aiuto di un’ecoguida. Si tratta di un tubicino di silicone che può restare in sede fino a sei mesi e permette a medici ed infermieri di somministrare farmaci al paziente in tutta sicurezza. Sostanze che iniettate con i metodi tradizionali potrebbero danneggiare le vene del braccio. 

Il sistema, come si legge in un documento dello IEO (Istituto Europeo di Oncologia), riduce il rischio di infezioni (per chi per esempio deve seguire lunghi cicli di chemioterapia, o altro genere di cure a lungo termine) così come di trombosi venosa centrale e consente libertà di movimento.

Attualmente a Taranto, per l’applicazione del PICC occorre recarsi in ospedale. L’operazione, piuttosto semplice (deve tuttavia essere condotta necessariamente da personale medico), può essere eseguita anche a domicilio.

L’Ail si candida a farlo, con la sua equipe di professionisti. Il progetto, al momento, è sostenuto da un Comitato scientifico e dai privati, singoli e aziende, disposti ad investire economicamente perché si realizzi.

Per saperne di più e per conoscere tutte le attività dell’Ail, vi invitiamo a partecipare al convegno di venerdì 28 giugno. Il programma degli eventi è sulla locandina visibile su questo sito.

 

 
Pagina 2 di 25

Diventa donatore

Orario sede

Lunedì

09.00 - 13.00

Martedì

09.00 - 13.00

Mercoledì

09.00 - 13.00

Giovedì

09.00 - 13.00

Venerdì

09.00 - 13.00

Facebook FanBox