http://farmacia-senzaricetta.com/
CPanel

AIL sezione di Taranto

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size


Manifestazioni ed eventi

Concorso AIL BAT per medici neolaureati

E-mail Stampa PDF

ail BAr copia

Sensibilizzare l’opinione pubblica sulla diffusione delle malattie ematologiche, sulla ricerca scientifica, sulla necessità di migliorare la qualità della vita dei pazienti e delle loro famiglie. Con questi obiettivi l’AIL Sezione di Taranto porta avanti le sue attività sul territorio jonico, da oltre 25 anni. In cooperazione con altre associazioni, con i privati cittadini e con le altre Sezioni provinciali. 

La presidente AIL locale Patrizia Casarotti è lieta di comunicare che l’associazione (Sezione locale) della provincia di Barletta-Andria-Trani ha istituito un premio, con l’obiettivo di stimolare la ricerca in ambito ematologico, tra i giovani laureati in Medicina della Regione Puglia. 

Si tratta in realtà dell’aggiornamento di un bando di concorso pubblicato nel 2019. Il premio è articolato in due sezioni: tesi di specializzazione su ricerche originali sull’Ematologia sperimentale e tesi di specializzazione aventi come oggetto ricerche originali sull’Ematologia clinica. 

L’AIL BAT aspira a rendere questo appuntamento annuale; il concorso quindi dovrà essere bandito ogni anno, nella prima decade di settembre. Le domande di partecipazione dovranno pervenire all’AIL BAT entro il termine del 30 novembre, mentre la premiazione avverrà, secondo quanto previsto, entro il 31 dicembre. 

Sono ammessi a partecipare al bando di concorso tutti i medici che abbiano conseguito la specializzazione nel 2020, con una tesi sull’Ematologia. La residenza in Puglia è tra i requisiti necessari per la partecipazione. Il vincitore del concorso si aggiudicherà un premio in denaro di 2000 euro; la Commissione scelta per le valutazioni potrà comunque segnalare tesi meritevoli di attenzione, anche se non vincitrici. 

Nella formulazione dei giudizi, la Commissione (composta, tra gli altri, dal Presidente dell’AIL BAT e dal Direttore della U.O.C di Ematologia dell’ospedale DIMICCOLI di Barletta) valuterà i candidati in base alla documentazione ricevuta e terrà conto dell’originalità dell’approccio, nell’analisi svolta e nei risultati ottenuti, della completezza della trattazione e della chiarezza espositiva. 

Iniziative come questa sono parte delle attività dell’AIL, sia a livello nazionale, sia a livello locale, come in questo caso. Ricordiamo che i contributi versati all’associazione servono anche a questo, ad alimentare la ricerca scientifica attraverso bandi di concorso come quello appena citato. 

Allo stesso modo la Sezione provinciale di Taranto sta raccogliendo fondi, non solo per continuare a svolgere attività di assistenza ai pazienti, in ospedale e a domicilio, ma anche per finanziare corsi di formazione rivolti ai giovani della provincia. In particolare, si sta lavorando alla programmazione di un training per care giver. Il covid ha rallentato tutto, ma l’AIL di Taranto continua lungo la strada intrapresa, anche per promuovere progetti come questo. Il vostro aiuto è quindi fondamentale. Sostenete l’AIL, in tutte le forme in cui è possibile farlo. Consultate in proposito la sezione dedicata del sito.

Per informazioni sul concorso, invece, il bando è nel documento allegato.

 

Clicca QUI per scaricare il bando ed i dettagli 

 

 

Attivata pagina AIL Taranto per la Fitwalking del 27 settembre

E-mail Stampa PDF

fitwalkingL’appuntamento con la Fitwalking for AIL si avvicina. Vogliamo ricordarvi che le iscrizioni alla manifestazione sono ancora aperte, naturalmente. Le donazioni si possono effettuare sulla pagina raggiungibile a questo link https://mycrowd.ail.it/campagna/fitwalking-for-ail/fitwalking-for-ail-taranto/; il contributo da versare parte da una quota minima di 10 euro. Sempre sulla pagina relativa alla Sezione di Taranto è possibile trovare ulteriori informazioni in merito.

Per chi non lo ricordasse, la Fitwalking for Ail è una manifestazione non competitiva, una passeggiata per l’esattezza, organizzata per raccogliere fondi per l’associazione.

Denaro che sarà impiegato per sostenere la ricerca scientifica e le numerose attività che l’AIL porta avanti in favore dei pazienti ematologici, da oltre 50 anni, su tutto il territorio nazionale. 

 

Siamo alla quarta edizione della “maratona” di solidarietà, un’edizione del tutto differente dalle precedenti. Le misure di precauzione imposte dalla diffusione del coronavirus hanno reso necessario un cambiamento delle sue modalità di svolgimento. La Fitwalking è stata completamente rivoluzionata. 

Si passeggia tutti insieme, ma a distanza, per andare #versonuovitraguardi. La location della manifestazione non è Villa Borghese, per questo 2020, ma ovunque voi vogliate. 

 

Tutti gli sportivi o gli amanti delle attività all’aria aperta possono partecipare facendo un “tratto di strada” con l’AIL, condividendo i valori dell’associazione, la sua missione, semplicemente restando a casa. 

Non fermi, ovviamente. Ma correndo nel parco della propria città, sul lungomare, affrontando una collina, un monte, camminando a passo veloce in spiaggia o in casa propria, sul tapis roulant, per esempio.

 

Il 27 settembre si può essere insieme dunque, contro le malattie del sangue, sostenendo la ricerca, a distanza. Saranno i social a connettere tra loro gli sportivi, a far brillare di solidarietà il web. 

Si può dare una mano all’associazione seguendo molte strade diverse. La Fitwalking for AIL è una via del tutto particolare: virtuale ma reale. Che unisce anche chi è lontano fisicamente. Un kit di partecipazione verrà consegnato a tutti gli iscritti; iscrivendosi, oltre al kit, si potrà ricevere a casa un buono sconto per l’acquisto dei nuovi gadget legati all’evento, su AILshop.it.

 

Che aspettate? Fitwalking for AIL 2020 Virtual Edition vi aspetta per fare del bene, facendovi del bene (https://fitwalking.ail.it/). Non mancate!

 

La sartoria Inglese dona una fornitura di mascherine all’AIL

E-mail Stampa PDF

118273154 3737290139631761 4929970693784048834 o

La Sartoria “G Inglese” ha donato all’AIL di Taranto una fornitura di mascherine. Angelo Inglese è il sarto nato a Ginosa e apprezzato in tutto il mondo per le sue creazioni. Anche i reali britannici e il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump sono tra coloro i quali indossano capi d’abbigliamento confezionati dalla G Inglese

Durante il lockdown la sartoria di Ginosa ha usato i tessuti delle camicie per cucire mascherine e donarle in beneficienza. E in seguito le mani dei sarti hanno continuato a lavorare per realizzare un numero sempre maggiore di mascherine. La consegna della preziosa fornitura alla Sezione provinciale AIL di Taranto ha avuto luogo presso la sede di LWBProject srl, società che si occupa di progettazione sociale e di comunicazione. Sono stati loro a favorire il contatto tra Angelo Inglese e Patrizia Casarotti. 

Le mascherine multicolori saranno utilizzate dagli operatori dell’AIL, in particolare dal team che si occupa delle attività di assistenza dei pazienti a domicilio.

“Sono un irrequieto - ha dichiarato Angelo Inglese - quando durante il lockdown abbiamo dovuto sospendere le attività, abbiamo pensato di usare i pezzi di tessuto che restavano dopo la lavorazione delle camicie per fabbricare mascherine e donarle a chi ne aveva necessità; in quel periodo non era facile trovarle. Ne abbiamo donate tante e ora siamo arrivati all’Ail. Ne siamo onorati, penso che possa essere l’inizio di una bella collaborazione. Le mascherine sono tutte diverse. I loro colori contribuiranno a far sorridere chi in questo momento soffre; speriamo possano farlo attraverso la bellezza, l’artigianalità e tutto quello che noi siamo capaci di fare”. 

La presidente dell’AIL provinciale, Patrizia Casarotti, ringrazia ancora una volta la sartoria di Ginosa ribadendo che “queste belle mascherine potranno dare un pochino di gioia alle persone che devono sottoporsi a delle terapie, ai pazienti ematologici che sono in cura presso le loro abitazioni, seguite dai medici del reparto di Ematologia del Moscati e assistite dal team multidisciplinare dell’associazione”. 

Quanto ad LWB Project, promotrice dell’incontro tra Inglese e l’AIL, connettere talenti è una delle sue vocazioni. “In questa occasione abbiamo messo in contatto due realtà d’eccellenza che unendo le rispettive risorse e capacità hanno la possibilità di far del bene" – ha dichiarato Francesco Giuri, mentor della società che ha permesso questo martching LWBProject.

Sostieni l’AIL, visita il sito e scopri come fare per offrire il tuo contributo all’associazione impegnata da più di 50 anni nell’assistenza ai pazienti ematologici e nel supporto alla ricerca scientifica contro le leucemie, i linfomi e i mielomi.  

 

 

Le malattie non vanno in vacanza. Aiuta anche tu a combatterle!

E-mail Stampa PDF

donazioneSangue AIL

Dona dona dona! Il tuo contributo è fondamentale, soprattutto nel mese più caldo dell’anno. I tumori del sangue non conoscono ferie e chi ne è colpito ha bisogno di cure costanti ed efficaci. Ha bisogno soprattutto del tuo aiuto. 

Prima di andare in vacanza, contatta un Centro Trasfusionale (consulta l’elenco sul sito dell’Asl di Taranto) e dona il sangue.

Sono 1800 i pazienti che ogni giorno si sottopongono ad una trasfusione, per curarsi. I dati sulle donazioni relativi al mese di giugno sono rassicuranti: secondo il Centro Nazionale Sangue, il numero dei donatori con un’età compresa tra i 18 e i 25 anni è tornato a crescere, invertendo una tendenza negativa iniziata nel 2013.

I nuovi donatori totali tuttavia sono poco più di 362 mila, pari al 2,3% in meno rispetto allo scorso anno, purtroppo. In agosto, si sa, si registra il calo più consistente delle donazioni. Il dato che si riferisce ai giovani fa ben sperare, ma non basta per essere ottimisti, perché i pazienti trasfusi aumentano: nel 2019 sono stati circa 638 mila, contro i 630 mila dell’anno precedente. 

Per avere un’idea di quanto i pazienti ematologici, e non solo loro, abbiano bisogno dell’aiuto dei donatori, è sufficiente riflettere sul fatto che lo scorso anno le trasfusioni hanno riguardato circa tre milioni di persone, una ogni 10 secondi. 

Ogni 10 secondi c’è qualcuno che rischia il futuro, senza il tuo, il nostro aiuto. AIL si adopera costantemente per sensibilizzare la popolazione sull’importanza della emo-donazione, sul valore della solidarietà.

Valore che è emerso prepotentemente nei mesi della quarantena; nonostante le difficoltà a Taranto e in tutte le città italiane si sono moltiplicate le iniziative in favore delle persone più fragili. 

L’AIL Sezione Locale ringrazia ancora una volta chi ha speso il proprio tempo, anche rischiando in prima persona, nei giorni dell’esplosione della pandemia, per dare una mano all’Associazione. Donando dispositivi di protezione individuale, consegnando le uova pasquali a domicilio e in mille altri modi. Quella mano c’è sempre.

I volontari AIL continuano instancabilmente ad assistere i pazienti, anche ad agosto e hanno bisogno della vostra/nostra vicinanza. Doniamo, attraverso il 5X1000 (C.F. 80102390582), il nostro contributo all’Associazione; doniamo il sangue, bastano 15 minuti per salvare una vita; sosteniamo l’AIL acquistando un oggetto solidale. Facciamo sentire il nostro calore a chi affronta un momento difficile. #maipiùsognispezzati 

 

 
Pagina 2 di 51

Diventa donatore

Orario sede

Lunedì

09.00 - 13.00

Martedì

09.00 - 13.00

Mercoledì

09.00 - 13.00

Giovedì

09.00 - 13.00

Venerdì

09.00 - 13.00

Facebook FanBox