Una mano che vale mille sorrisi 


Stampa

INFOGRAFICA Come utilizziamo il 5xmille.AIL

 

Il cinque per mille, un’espressione ormai familiare alle nostre orecchie, rappresenta per l’AIL un ampio ventaglio di interventi in favore degli altri. L’Associazione contro le leucemie, i linfomi e il mieloma conta cinquemila volontari in tutta Italia e 81 sezioni provinciali, numeri che comprendono i tanti operatori che si spendono per i pazienti ematologici, anche nella provincia di Taranto.

Dei fondi raccolti attraverso questo strumento fiscale, quasi 430 mila euro sono stati utili per la realizzazione delle case AIL.

Residenze destinate a chi è costretto a seguire lunghi cicli di terapie nei Centri di Ematologia altamente specializzati. Luoghi, questi ultimi, che si trovano molto spesso in città lontane da quelle nelle quali gli ammalati risiedono.

Le residenze AIL garantiscono una maggiore serenità a chi riceve le cure, allontanando la prospettiva di prolungati periodi di ospedalizzazione, con grande vantaggio anche per la spesa sanitaria pubblica.

Grazie al 5x1000 è stato possibile indirizzare più di 500 mila euro alla Fondazione Gimema, nata nel 1982 per volontà del professor Franco Mandelli, con lo scopo di promuovere la ricerca sulle malattie ematologiche. Oggi il Centro Dati, nucleo operativo della Fondazione, è una struttura di eccellenza, riconosciuta a livello internazionale.

Il 5x1000 significa anche una cifra superiore al milione e mezzo di euro, utilizzata dall’AIL per garantire sostegno ai pazienti e al personale medico, nei reparti di Ematologia di tutta Italia. Quasi 400 mila euro vanno inoltre ai servizi socio assistenziali.

Anche le cure domiciliari richiedono un impegno oneroso e costante: lo strumento del 5x1000 consente di destinare oltre un milione di euro a tutte le attività e le professionalità che il servizio richiede.

La quota destinata alla ricerca scientifica è la più consistente: 1700.179 euro. Il lavoro di medici e ricercatori ha reso tante malattie più deboli e garantisce a chi si ammala percentuali di guarigione sempre più alte. Senza il tuo sostegno, espresso anche attraverso il 5x1000, tutto questo non sarebbe possibile.

La sezione di Taranto dell’Associazione contro le leucemie, i linfomi e il mieloma compie venticinque anni, un traguardo che è stato possibile realizzare soprattutto grazie alle donazioni, compresa quella che passa per il 5x1000. Una misura fiscale che permette a tutti i contribuenti di destinare una quota dell’imposta sul reddito delle persone fisiche a chi si occupa di attività di interesse sociale.

Cinque sono le dita di una mano e mille potrebbero essere le persone che aiuti, proprio tu, con un semplice gesto della mano. Quello che si fa compilando il modello 730 e destinando la quota del 5x1000 all’Associazione Italiana contro le leucemie, i linfomi e il mieloma.
Scrivere il codice fiscale AIL 80102390582 nel relativo campo del modello 730 significa prendersi cura di chi sta affrontando una malattia oncoematologica e dare un contributo fondamentale alla ricerca scientifica.

 

Dona il 5x1000 all’AIL.