Il 24 giugno Webinar sulle nuove terapie in ematologia

La campagna vaccinale, da pochi giorni aperta anche alla fascia d’età 16-39 anni, sta producendo i primi significativi effetti. La curva dei contagi scende, diminuiscono i ricoveri e i decessi. Si riconquistano lentamente spazi di serenità. Gradualmente, quindi, le strutture sanitarie, travolte dall’ondata Covid, dovrebbero tornare a gestire al meglio anche le altre categorie di pazienti.

L’AIL, da sempre al fianco dei malati ematologici, sta facendo del suo meglio, impegnando i propri volontari (almeno a Taranto) prevalentemente nelle attività di assistenza domiciliare. Sono decine e decine i pazienti che hanno accesso al servizio gratuitamente.

È un sostegno importantissimo, soprattutto in questo momento; l’equipe multidisciplinare dedicata non si occupa solo di assistenza medica, ma affianca i pazienti e le loro famiglie anche dal punto di vista psicologico e informativo. Perché essere informati sulle cure disponibili, sulle terapie assegnate dai medici e sugli effetti collaterali, conoscere gli sviluppi della ricerca fornisce ai pazienti un’arma in più per affrontare la malattia.

A proposito di informazione, è in programma il 24 giugno un convegno on line dal titolo Aggiornamenti e Controversie in Ematologia. L’evento programmapp.pdf (elleventi.it) è stato inserito nel Piano Formativo 2021 per l’Educazione Continua in Medicina. Possono partecipare, acquisendo crediti, medici chirurghi, biologi, tecnici sanitari di laboratorio biomedico, assistenti sanitari, infermieri e infermieri pediatrici. L’accesso on line è gratuito e non è precluso ai comuni cittadini.

Il responsabile scientifico del Webinar è il professor Valerio De Stefano – Sezione di Ematologia, Dipartimento di Scienze Radiologiche ed Ematologiche dell’Università Cattolica, Fondazione Policlinico Agostino Gemelli IRCCS di Roma.

Un’attenzione particolare sarà riservata, durante i lavori, alle neoplasie mieloproliferative croniche e alle sindromi mielodisplastiche, al mieloma multiplo e alla leucemia linfatica cronica. L’introduzione di nuovi farmaci ha prodotto una revisione delle linee guida che regolano i protocolli terapeutici di queste e di altre patologie.

Si parlerà di quanto osservato finora, nei pazienti trattati con le nuove terapie, e dei risultati attesi per il futuro, della soluzione di problemi conseguenti all’adozione di farmaci come il ruxolitinib e dei progressi ottenuti nelle strategie trapiantologiche.

Passi in avanti resi possibili dalla ricerca scientifica. Sostenere l’AIL, non ci stancheremo mai di sottolinearlo, significa alimentare i progressi dei quali si parlerà in occasione del Webinar. Vuol dire allungare la vita dei pazienti ematologici e, in moltissimi casi, aiutarli a guarire definitivamente.

Gli strumenti che la ricerca mette a disposizione della pratica clinica sono un immenso patrimonio, potenzialmente utile a tutti. Sperando, naturalmente, che sempre meno persone si ammalino, in futuro. A tale scopo la prevenzione gioca un ruolo di primo piano. Prevenire significa informarsi e sottoporsi periodicamente ai controlli medici.

L’AIL di Taranto è a disposizione di chiunque abbia voglia di contribuire a finanziare la ricerca e a favorire l’assistenza dei pazienti. Si può sostenere l’AIL Sezione Provinciale di Taranto anche attraverso le bomboniere solidali (BOMBONIERE AIL – AIL TARANTO – OdV). Mai dimenticarlo. E mai dimenticare lo strumento del 5X1000; C.F. 80102390582. La dichiarazione dei redditi è un’altra occasione per fare arrivare un contributo all’Associazione.

Leave A Reply